Rsa, Fp Cgil: accordo con Regione Lazio riequilibra asse privato-pubblico

Più informazioni su

Roma – “Noi partiamo da una sanita’ che nel Lazio e’ da ricostruire dopo dodici anni di commissariamento, in cui il modello era stato costruito piu’ sull’assistenza ospedaliera che sull’assistenza territoriale.”

“Questo accordo per le Rsa con la Regione Lazio ci da’ modo di rimodulare l’intervento del pubblico nella riabilitazione e nell’assistenza territoriale. Ricordo che nelle Rsa private ci sono lavoratori con contratti pirata, senza sigle sindacali rappresentative.”

“Avere quindi delle Rsa dove ci sara’ un contratto pubblico, grazie a questo accordo, significa riequilibrare l’asse del lavoro privato e pubblico a favore del lavoratore.”

“Per aprire le nuove Rsa, servira’ comunque assumere: 9000 dipendenti negli ultimi anni ma che non coprono totalmente il turn over e quota 100, che pure hanno inciso.”

“Serviranno quindi 10mila nuove assunzioni, non solo per il Rsa ma per tutta l’assistenza sanitaria e territoriale”. Lo ha affermato Giancarlo Cinciarelli, segretario della Fp Cgil Lazio, intervenendo nel corso dell’incontro online ‘Nuove Rsa pubbliche, investimenti straordinari su assistenza socio sanitaria’.

Più informazioni su