Saltamartini: per chi stupra donne serve castrazione chimica

Roma – “Per chi rapisce, picchia e stupra le donne ci dovrebbe essere una sola risposta: castrazione chimica e galera a vita. Se poi i responsabili di certi crimini cosi’ efferati non sono italiani, ma immigrati clandestini, dovrebbero scontare la pena nel loro Paese di origine. Grazie alla Lega e’ comunque operativo il Codice rosso che, in casi come questi, prevede ora pene piu’ severe per i reati sessuali e consente una corsia preferenziale per velocizzare le indagini”. Cosi’ la deputata della Lega, Barbara Saltamartini, presidente della commissione Attivita’ produttive della Camera. “Ci auguriamo che, almeno di fronte a un incubo come quello vissuto dalla 28enne rapita dal suo ex e costretta a lanciarsi dall’auto in corsa- prosegue- pur di fuggire e salvarsi dopo tre giorni di violenze carnali, nessun buonista si azzardi a invocare scuse o compassione. Piuttosto, un plauso a tutte quelle persone civili che con grande coraggio hanno difeso la sventurata, mamma di due figli, dalla furia dal suo aguzzino e agli agenti della Polizia di Stato per la cattura di questo individuo che facciamo fatica a definire ‘persona’”.