Quantcast

San Basilio, Gualtieri: da Raggi una piazza e poi tutto degrado

Roma – “Questo è il set teatrale, poi dietro c’è la realtà”. Roberto Gualtieri attacca la sindaca Raggi durante la tappa a San Basilio della sua campagna elettorale. Il candidato del centrosinistra al Campidoglio ha iniziato la sua visita in uno dei quartieri più segnati dallo spaccio di droga dalla Fontana delle Balene, un’opera su cui ha insistito la prima cittadina.

“Questa piazza e’ una specie di scenografia di cui molto si è parlato ma tutto intorno ci sono abbandono e degrado- ha spiegato Gualtieri- Sono state promesse cose non mantenute, è stato fatto qualche intervento spot sotto elezioni ma qui c’è un incredibile immobilismo sul prolungamento della metro con la fermata a San Basilio su cui non stata fato nulla, i lavori sulla via Tiburtina sono una cosa indegna e vergognosa perché sul quartiere si scarica il traffico, con in più il problema dello svincolo di via Casale di San Basilio.”

“È disastrosa la situazione del decoro urbano e dei rifiuti, c’è un enorme problema di abbandono scolastico su cui non è stato fatto nulla, sono stati chiusi due asili nido: la lista dei problemi è enorme. Il Municipio IV ha quasi 200mila abitanti, ma non ha un cinema né un liceo classico e il nostro modello non è certo quello di fare una piazza sotto elezioni e lasciare tutto nel degrado”.

Gualtieri ha visitato il mercato di largo Arquata del Tronto e parlato con gli operatori: “Noi vogliamo investire sui mercati perché sono luoghi di socialità. I residenti di San Basilio si lamentano e tutta questa riqualificazione e rilancio di cui parla Raggi non l’hanno vista. L’attività del Municipio non funziona e ricandidare la stessa persona (Roberta della Casa, ndr) è stata una beffa”.

Anche qui, come in altre parti della città, la riqualificazione passa per i soldi del Pnrr: “Ho ascoltato delle parole sui pochi finanziamenti a Roma. Il Governo ha messo nel Pnrr più di 3 miliardi sulla rigenerazione urbana. Roma ha presentato progetti per 10 milioni, meno di quelli che le spettavano, dicendo quindi no ai soldi del Pnrr”.

San Basilio è una delle zone di Roma maggiormente caratterizzate dallo spaccio di droga e dall’infiltrazione della criminalità organizzata: “Ci deve essere una forte attenzione alla sicurezza e al presidio del territorio ma bisogna anche lavorare sulla dispersione scolastica, sull’assenza di spazi aggregativi e su una città più prossima e vicina che combatte le mafie. Perché solo costruendo quartieri vivi si contrasta la criminalità”.