Quantcast

San Carlo di Nancy, visite gratuite per cura incontinenza

Roma – “Lunedì 28 giugno ricorre la 25esima giornata nazionale per la prevenzione e la cura dell’incontinenza urinaria e fecale, problematiche che costituiscono tutt’oggi un tabù ma che riguardano oltre 5 milioni di italiani, il 73% donne e il 27% uomini. L’Ospedale San Carlo di Nancy, Ospedale accreditato con il SSN, è tra le strutture riconosciute dalla Regione Lazio come centro di II livello per la prevenzione diagnosi e cura dell’incontinenza in grado di garantire assistenza specialistica, sia ambulatoriale che ospedaliera, prendendo in carico il paziente per tutto il percorso diagnostico e di trattamento”, si legge nella nota diffusa dall’ospedale romano.

“Lunedì 28 giugno, in occasione della giornata nazionale dedicata, la struttura di GVM Care & Research- spiega il comunicato- propone consulti gratuiti con gli specialisti in Urologia, Ginecologia e Chirurgia Generale con counseling specifico sulle problematiche di incontinenza fecale e urinaria di uomini e donne. Disponibilità limitata, previa prenotazione sulla pagina dedicata oppure telefonando al numero 06/39976496”.

– Chi può rivolgersi per prenotare un consulto gratuito? “Ogni persona che soffre di incontinenza fecale o urinaria, sia essa da sforzo, da urgenza o mista. Queste tipologie di incontinenza possono essere correlate a delle problematiche puramente anatomiche, come ad esempio al prolasso nella donna o a tutte quelle condizioni che possono aver ridotto la forza dello sfintere, così come esistono condizioni post chirurgiche che condizionano l’incontinenza, come ad esempio dopo un intervento radicale della prostata”.

“Il nostro è un centro con competenze multispecialistiche riconosciute – spiega il prof. Pierluigi Bove, responsabile dell’U.O. di Urologia all’Ospedale San Carlo di Nancy -. Per questa giornata di sensibilizzazione sull’incontinenza, abbiamo istituito dei consulti gratuiti specifici per l’incontinenza maschile e femminile e forniremo ai pazienti informazioni su questa problematica: sulle moderne tecnologie per la diagnosi, come la RM pelvica, l’esame urodinamico, la cistoscopia flessibile; sulle metodiche di trattamento, anche con programmi di neuromodulazione; sulle terapie più strettamente chirurgiche, con approccio mininvasivo, endoscopico o protesico. È importante sapere che c’è una soluzione per ogni tipologia di questa problematica”.

“Effettueremo consulti finalizzati alla diagnostica dell’incontinenza femminile – commenta il dott. Giuseppe Sorrenti, responsabile dell’U.O. di Ginecologia all’Ospedale San Carlo di Nancy -. Il consulto clinico gratuito ci permetterà di inquadrare la problematica e suggerire alle pazienti eventuali esami strumentali aggiuntivi. Inoltre, è doverosa una menzione ai possibili trattamenti volti alla riabilitazione del pavimento pelvico, effettuati presso la nostra struttura con elettrostimolatore o con laser CO2.”

“Nel caso si rendesse necessaria una correzione chirurgica, l’Unità Operativa Chirurgica di Ginecologia è in grado di proporre tutte le procedure, dallo sling sottouretrale alla somministrazione di sostanze volumizzanti intrauretrali, o interventi più complessi come la colposacropessi”.

“Nella stessa giornata consulti gratuiti specifici per l’incontinenza fecale con il prof. Luigi Masoni, responsabile dell’ U.O. di Chirurgia Generale presso l’ospedale romano di GVM, utili per indirizzare i pazienti ad eventuali approfondimenti diagnostici (esame manometrico defecografico, RMN delle pelvi, ecografia Trans anale) e a percorsi di trattamento tra cui la riabilitazione del pavimento pelvico con biofeedback”, conclude il san carlo di Nancy.