RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Santori: ingiurie e minacce a Lega per aver detto no a musica no stop

Roma – “‘Esponente de la LEGA Succhiami il ca**o e vai a giocare a inc***re’. Questi sono i toni minacciosi pieni di insulti a sfondo sessuale e omofobi, rivolti alla Lega di Matteo Salvini, a me e al responsabile de Il Messaggero.it, Marco Pasqua, da parte di due sedicenti rapper romani. La colpa? Aver difeso il legittimo diritto dei cittadini alla serenita’ nelle proprie case da un festival di ben 12 ore consecutive di musica presso la ex Dogana, a San Lorenzo, dalla sera fino alla mattina del giorno successivo, dove si esibiscono questi MC alla amatriciana”. Lo scrive in una nota il consigliere regionale della Lega, Fabrizio Santori.

“Un appuntamento in cui qualcuno gia’ inneggia alla droga, all’alcool e al disordine pubblico impedira’ di riposare sconvolgendo la vita di un intero quartiere tra schiamazzi, traffico e musica sparata a tutto volume- prosegue Santori- Chissa’ cosa ne pensano a sinistra di questi insulti discriminatori a sfondo sessuale. Nicola Zingaretti, che all’ex Dogana e’ di casa visto che ci organizzera’ anche il suo appuntamento di partito Piazza Grande, cosa ha da dire verso questi attacchi? Spero che vengano prese le dovute contromisure verso gli autori di frasi inaccettabili, ma soprattutto che il vicesindaco Luca Bergamo blocchi l’evento tutelando i diritti dei cittadini a dormire sonni sereni”.