RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Santori (PDL): “Più di 50mila le slot machine solo a Roma”

Più informazioni su

Augusto Santori (PDL): “Più di 50mila le slot machine solo a Roma”

 

“Diciamo che si vuol far passare erroneamente il sottoscritto come un benefattore quando i benefattori di queste grandi vincite sono le migliaia di ludopatici che si trovano in tutta Italia compresi tra i 35 milioni di italiani che giocano”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.

“Più di 50mila sono le slot machine, le rapinatrici con un solo braccio, che si trovano nella città di Roma – prosegue Santori – e che contribuiscono, con altri giochi in cui sono coinvolti migliaia di gamblers, a far spendere buona parte del patrimonio nel gioco d’azzardo legalizzato. Loro sono le vere vittime del debito pubblico. Nell’immobilismo della politica, mi appello a tutti coloro che hanno vinto più di 500mila euro in questi giochi a destinarne una parte congrua alle associazioni che lavorano a sostegno delle vittime della ludopatia, perché sono queste le reali finanziatrici di queste fortune. Si parla poi di enormi introiti per lo Stato centrale, ma nessuno parla delle esternalità negative con cui si trovano a combattere quotidianamente gli Enti Locali: sussidi economici, drammi familiari, spesa sanitaria per il sostegno psicologico contro una malattia che solo in Italia non è ancora riconosciuta ufficialmente”.

Eccolo il mio pesce d’aprile – conclude Santori – l’aver vinto dei soldi al Gratta&Vinci, nel silenzio dei media verso le famiglie di Paolo, Marisa, Arnaldo e di tanti altri concittadini che nello stesso giorno perdono soldi, salute fisica e psichica, serenità familiare. Se per me questa vittoria è stato uno scherzo di aprile, per queste famiglie le perdite al gioco purtroppo non lo saranno mai”.

“Avrei voluto smentire più tardi questa notizia di 1 aprile – conclude Santori – ma, a un certo punto, per una distorsione mediatica di cui mi scuso con tutti i giornalisti, si è creato il contesto in cui il sottoscritto era divenuto un benefattore, quando invece l’obiettivo era portare l’attenzione sulla decadenza sociale e culturale che sta subendo la nostra Nazione. Il gioco, il divieto più antico del mondo, oggi è diventata la speranza, il sogno, il modo per trovare chissà quale fortuna”.

 

“Ieri sera ho acquistato un Gratta&Vinci e ho vinto 500mila euro, non mi vergogno né a dirlo né a renderlo pubblico, perché credo che questo genere di fortune vadano condivise e, ove possibile, siano da destinare a chi ne ha più bisogno”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.

“I numeri 35 e 50 mi sono stati fortunati – prosegue Santori – in una delle pochissime occasioni in cui ho avuto modo di avventurarmi nei giochi legalizzati. Anzi, a dire il vero, in più di un’occasione proprio io avevo manifestato la mia avversione verso la promozione del gioco d’azzardo e la mancanza di una efficace normativa a sostegno di chi soffre di ludopatia”.

“Destinerò il ricavato della vincita di ieri in un’attività sociale – conclude Santori – e a breve avrò modo di comunicare più nel dettaglio che cosa in particolare avremo modo di costruire e mettere a disposizione della collettività e in particolare dei più bisognosi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.