Quantcast

Sindacati Roma-Lazio: ennesimo scempio Giunta Raggi su servizi scuole

Più informazioni su

Roma – “È uno scempio!”. E’ quanto affermano i segretari Generali di Filcams, Fisascat e Uiltrasporti di Roma e Lazio, Alessandra Pelliccia, Stefano Diociauti, Maurizio Lago.

“Ai tempi supplementari della legislatura, la Giunta Raggi- spiegano- compie l’ennesimo atto scellerato a danno di servizi fondamentali per la cittadinanza e dei lavoratori che, da anni, li garantiscono con grande professionalità. Siamo venuti a conoscenza dell’avvenuta pubblicazione, da parte di Roma Capitale, di un avviso per la procedura negoziata finalizzata all’affidamento ad un soggetto privato, in via d’urgenza e a partire dal 1 agosto prossimo, del servizio scolastico integrato delle scuole di Roma Capitale”.

“Stiamo parlando- ricordano i sindacalisti- dei servizi di pulizie, assistenza e trasporto scolastico nelle scuole dell’infanzia e nei nidi di Roma Capitale per i quali da anni rivendichiamo una gestione pubblica, diretta da parte di Roma Capitale, che riteniamo dovrebbe essere garantita dall’internalizzazione dell’attività e dei lavoratori da parte dell’amministrazione e che invece sono, da sempre, al centro delle peggiori dinamiche da campagna elettorale.”

“In questo quadro, l’avviso pubblicato da Roma Capitale costituisce l’ennesimo, grave errore, mentre siamo, peraltro, in attesa di un pronunciamento della Corte di Giustizia Europea chiamata ad esprimersi proprio sull’aggiudicazione di quel servizio!”.

“È inaccettabile- precisano i sindacalisti- che si pensi di poter procedere con un passaggio di appalto di circa 3000 lavoratori in un così breve termine, senza che il servizio subisca un danno e avendo la presunzione, essendo a ridosso delle elezioni che definiranno chi dovrà governare la città, di determinare come dovrà essere gestito un servizio essenziale per i bimbi e le famiglie romane.”

“Smentendo gli impegni assunti nella precedente campagna elettorale, la Sindaca vuole dunque affidare alla gestione privata l’assistenza scolastica svincolandola da un concreto controllo da parte dell’amministrazione che, al contrario, per la natura stessa del servizio, dovrebbe essere ancora più stringente: lo ribadiamo con forza, serve una gestione diretta del servizio attraverso l’internalizzazione delle attività e dei lavoratori!”

“Questa era e resta l’unica strada utile a tutelare il servizio e il lavoro! Alla Sindaca Raggi vogliamo dirlo con chiarezza: non si può e non si deve dare seguito a questo affidamento lasciando, ancora una volta e dopo anni di impegno profuso, i lavoratori nell’incertezza occupazionale e un servizio pubblico essenziale in balia degli interessi di profitto di operatori privati! Nelle prossime ore definiremo le iniziative di mobilitazione necessarie, a partire dalla proclamazione dello stato di agitazione”.

Più informazioni su