Smeriglio: ‘riconciliazione municipale’ forze politiche in nome di Roma

Roma – “Io tornerei, come Cola di Rienzo, a giurare sullo spirito della Res Publica Romana e direi: ‘Io, come sindaco e Giunta, mi dedichero’ 24 ore al giorno per cinque anni solo al bene di Roma’. E vorrei vederlo anche negli altri candidati, non solo nel campo progressista. Sarebbe una grande lezione di civilta’ che tutti insieme potremmo scrivere, poi chi perde deve fare l’opposizione ma con uno spirito costituente e al servizio di Roma”. Lo ha detto Massimiliano Smeriglio, eurodeputato indipendente del Pd e tra gli ideatori del soggetto civico di sinistra ‘Liberare Roma’, nel corso di un’intervista all’agenzia Dire.

Smeriglio ha auspicato una “‘riconciliazione municipale’, un patto vero per Roma e non solo tra le forze politiche ma anche tra quelle imprenditoriali e della comunicazione pubblica. Saremmo dei matti se rendessimo la vita impossibile al prossimo sindaco di Roma, di destra, sinistra o 5 Stelle, andando a guardare nel buco della serratura della sua vita privata. A me non interessa nulla con chi va a cena il sindaco o con chi si accompagna, mi interessa il lavoro che deve mettere a disposizione della citta’. Sarebbe un grande patto tra romani, perche’ tutti stiamo vivendo male in questa citta’ dove c’e’ un disagio gigantesco, un disagio che non puo’ risolverlo Batman ma una persona solida, credibile, con grande carisma e capacita’ operativa ma soprattutto che abbia dietro di se’ un’alleanza e una citta’ unita”.