RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

SOCIALE, MUNICIPI : “Nuovi modelli di intervento per le politiche sociali. Ripartire le risorse dei piani di Zona tra Roma Capitale e i Municipi”

Più informazioni su

“Lunedì sera in una riunione degli Assessori alle politiche sociali dei Municipi, alla quale sono stati invitati i Capigruppo capitolini di PD e Sel Francesco D’Ausilio e Gianluca Peciola e la Presidente della Commissione affari sociali di Roma Capitale Erica Battaglia, sono state affrontate le problematiche legate alle esigenze sociali, alle proposte del territorio e al loro finanziamento.  A fronte della necessità di dare vita ad una sempre maggiore cultura del decentramento in termini di competenze, di risorse economiche e umane è emersa con forza l’esigenza, non più rinviabile, di disegnare un nuovo modello di intervento nell’ambito delle politiche sociali, che parta dai bisogni dei territori, da rinnovati indicatori e dal riconoscimento della funzione di prossimità dei Municipi.

L’occasione dell’approvazione del bilancio 2014 deve portare, a nostro parere, una riflessione attenta sulle risorse e sugli interventi da mettere in campo perché da questa valutazione  può prendere forma il modello di intervento sociale della nuova Amministrazione. Per questo crediamo che i Municipi, prima di esprimere il loro parere sul bilancio, debbano utilizzare tutto il tempo necessario per approfondire l’analisi del testo, avanzando proposte e individuando priorità nell’ambito dei diversi settori e in particolare delle politiche sociali territoriali. Allo stesso modo non va persa l’occasione della ripartizione tra Roma Capitale e Municipi delle risorse che vengono trasferite dalla Regione per i Piani di Zona e che deve essere il momento per sostenere con forza attività e progetti, che nascano da una lettura innovata dei bisogni sociali e che metta al centro il territorio per  dare finalmente attenzione e voce a esigenze che si fanno ogni giorno più forti e sulle quali i Municipi e i loro rappresentanti si trovano a dover dare risposte concrete e dirette. La Ripartizione delle risorse dovrà tenere conto di queste necessità e di una dimensione sempre più decentrata dell’intervento sociale, prevedendo il massimo di investimento nei Municipi, in sintonia con le iniziative e il senso stesso dell’azione politica rappresentata e fatta propria da questo nuovo governo della città ed individuando per i Dipartimenti una funzione, in questo ambito, di indirizzo e coordinamento. Altrimenti si andrebbe in netto contrasto con il modello messo in campo dalla stessa legge 328 di riforma dei servizi sociali e con le esigenze reali della nostra città”.

 

 

Più informazioni su