Quantcast

Spiagge, Ferrara: a Ostia in migliaia già usano SeaPass

Più informazioni su

Roma – “Con Seapass – Il mare di Roma andiamo verso la smart city e un lungomare intelligente 4.0. Roma e’ stata la prima a ripensare le spiagge dividendo le aree con delle paline che ci stanno gia’ copiando. Unica anche l’applicazione web – raggiungibile dal sito internet – che e’ adattabile ai dispositivi mobili e da oggi si puo’ trovare in modo facile attraverso i motori di ricerca. Presto ne parleremo con gli operatori economici, della cultura e del sociale perche’ questa esperienza e’ qualcosa di straordinario per tutti.”

“I dati che abbiamo ricevuto in questi giorni sono qualcosa di incredibile e ci dicono che decine di migliaia di persone si sono collegate e stanno usando questo strumento. Arrivano i flussi, gli spostamenti e il gradimento delle persone a supporto delle decisioni da prendere. Nei prossimo giorni crescera’ l’utenza e aumenteranno le funzioni sia informative che tecniche”. Lo scrive su Facebook il consigliere capitolino del M5S, Paolo Ferrara.

“Stiamo progettando un litorale smart che permettera’ la perfetta integrazione con il suo entroterra. Chi gestisce le risorse in modo intelligente, mira a diventare economicamente sostenibile, mira ad una attenta qualita’ della vita e ai bisogni dei propri cittadini. È, insomma, una citta’ intelligente, che sa stare al passo con le innovazioni e con la rivoluzione digitale. Smart city significa connessioni wi-fi nei luoghi piu’ disparati, sviluppare infrastrutture ‘intelligenti’, un alto livello di tecnologia high-tech”, prosegue Ferrara”.

“Tutto progettato in maniera innovativa per una mobilita’ sostenibile fatta di bike sharing, car sharing e auto ibride o elettriche, per questo arrivano anche il test sulla pedonalizzazione e una nuova pista ciclabile su tutto il lungomare. Intanto provate il sistema su seapassroma.it. Ps: in questo momento l’interesse per questo progetto e’ altissimo e abbiamo ricevuto gia’ alcuni contatti da parte di operatori economici nazionali ed internazionali”.

Più informazioni su