Quantcast

Stadio della Roma. Grancio (Misto): “Il Comune disinformato? Sapeva dal 2017 dei problemi sulla proprietà dei terreni”

Più informazioni su

Stadio della Roma – ”La SAIS proprietaria dei terreni di Tor di Valle che ha stipulato i contratti di compravendita dell’Ippodromo di Tor di Valle con la società di Parnasi, Eurnova s.r.l. è una società in liquidazione da anni. Notizia nota al Comune, che ne era a conoscenza già nel 2017 quando chiedevo in commissione Urbanistica di convocare il curatore fallimentare per avere contezza dei contratti stipulati e dei pagamenti corrisposti alla società in liquidazione.”

È quanto dichiara in una nota Cristina Grancio, capogruppo del Misto in Assemblea Capitolina – “la mia richiesta diede fastidio ai M5S che mi sospesero illegittimamente, per avere osato formalizzare l’istanza, e irritò Lanzalone, all’epoca fac totum del Sindaco nell’operazione stadio, come certificato dalle intercettazioni telefoniche in cui fa menzione di questa scomoda ed inopportuna richiesta promossa dalla sottoscritta.” – Prosegue la Consigliera Grancio- “Non solo è noto anche dalla lettura delle cronache giudiziarie che Papalia, l’Amministratore delegato della SAIS, è stato rinviato a giudizio per bancarotta fraudolenta in quanto avrebbe cagionato il dissesto, con operazioni dolose, consistite nell’omettere sistematicamente il pagamento di imposte comunali, Irpef ed Iva, accumulando un debito ingente.

Operazioni che hanno portato al fallimento della società su ricorso di Equitalia per un debito di 24 milioni di euro, di cui 15 milioni e 200 mila euro rappresentano le imposte originate nella vendita del terreno di Tor di Valle alla Eurnova di Luca Parnasi avvenuta prima della dichiarazione di fallimento.” – Conclude la Consigliera Grancio- “Tutto ciò è vicenda nota anche ai più distratti. Avere sollevato la questione di eventuali pignoramenti all’orizzonte, quando il tempo sta per scadere, quello dell’amministrazione Raggi, è una frutto di cosa? Di acume giuridico? di pressione psicologica? Oppure trattandosi di stadio, di mera tattica?”

Più informazioni su