Quantcast

Sunia-Sicet: necessaria proroga sospensione sfratti

Più informazioni su

Roma – “La mancata proroga della sospensione degli sfratti e’ un atto di grave irresponsabilita’ da parte del Governo, che getta benzina sul fuoco su una situazione di disagio abitativo che gia’ adesso non risulta affrontabile da parte dei Comuni.”

“La ripresa delle esecuzioni degli sfratti nel bel mezzo di una pandemia che non accenna ad allentare la sua tragica presa sul Paese, sarebbe un colpo durissimo per la tenuta sociale e incrinerebbe ulteriormente la gia’ debole fiducia dei cittadini e dei piccoli e medi operatori economici nei confronti delle istituzioni”. Lo affermano in un comunicato unitario i sindacati degli inquilini Sunia e Sicet di Roma e Lazio.

“Il Comune di Roma, che ad oggi ha erogato meno del 10% dei contributi straordinari di sostegno all’affitto richiesti prima dell’estate, e le strutture di assistenza che ordinariamente intervengono per la prima tutela dei nuclei familiari sfrattati, soprattutto in presenza di minori, anziani o condizioni di fragilita’ economica e sociale non sarebbero in grado di affrontare i numeri di questa nuova emergenza.”

“Il contributo straordinario all’affitto, richiesto da 49.000 famiglie (ed erogato per meno del 10%) oltre ad essere, ad oggi, assolutamente intempestivo, non fornisce il sostegno economico necessario a scongiurare l’ipotesi dello sfratto.”

“Lo sfratto selvaggio va evitato almeno fino all’adozione di misure che consentano di salvaguardare la locazione evitando il contenzioso giudiziario e incentivando, attraverso la leva fiscale, la rinegoziazione in diminuzione degli affitti”.

A tal fine, affermano le organizzazioni, “e’ necessario trovare soluzioni che diano anche ristoro economico ai proprietari che accettano di ridurre i canoni che oggi risultano insostenibili, aumentando le risorse dei fondi di sostegno all’affitto e per morosita’ incolpevole, per consentire alle parti di mantenere in vita i contratti dentro un piu’ ampio patto sociale per la casa tra associazioni degli inquilini, associazioni dei proprietari, Governo e Comuni.”

“In difetto di queste rivolgiamo da subito al Prefetto di Roma la richiesta di apertura di un tavolo con le parti sociali e le istituzioni affinche’ si riesca a governare una situazione che rischia di diventare esplosiva”, concludono.

Più informazioni su