Quantcast

Tagliavanti: Cciaa sostiene trasformazione in Regione-Metropolitana

Roma – “I numeri di Roma rendono evidente come non la si possa governare come una qualsiasi altra realtà urbana. Parliamo di una città per estensione seconda alla sola Londra il cui valore aggiunto prodotto è superiore a quello di alcuni Stati europei come Romania e Ungheria, le imprese iscritte alla Camera di Commercio sono 500mila e la provincia di Roma è, inoltre, quella che conta il maggior numero di occupati: oltre 1,8 milioni.”

“Per questo, la Camera di Commercio segue con favore il dibattito parlamentare in corso e tra le ipotesi emerse sull’assetto istituzionale per Roma, la Camera di Commercio intende sostenere quella di Roma Regione Metropolitana. Un modello già sperimentato con successo in altre realtà complesse come Berlino e Bruxelles”. Lo ha detto il presidente della Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti in audizione in commissione Affari costituzionali alla Camera sui Poteri speciali di Roma Capitale.

“Nel lontano 1999- ha aggiunto Tagliavanti- la Cciaa affidò alla London School of Economics uno studio volto a individuare la soluzione più idonea in tal senso.”

“Dalle conclusioni dello studio è emerso che l’adozione del modello Roma Regione Metropolitana nella nostra città porterebbe ad un consolidamento della struttura di governo locale. Con due positive, rilevanti conseguenze: In primo luogo, una migliore performance politica, in particolare per un’accresciuta democraticità nelle decisioni collettive e una maggiore efficacia nella realizzazione delle soluzioni prescelte.”

“In secondo luogo, una migliore performance economica, grazie ad un maggiore sviluppo in termini, sia di pil, sia di attrattività nei riguardi degli investitori esteri”.

“Dobbiamo essere consapevoli- ha concluso il presidente della Camera di Commercio di Roma- che all’inizio del nuovo millennio abbiamo perso un’occasione: perdere un’altra occasione, in questa fase cruciale, con i fondi del Pnrr alle porte, sarebbe imperdonabile. Perché il futuro della Capitale è il futuro dell’intero Paese”.