RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Tempesta: sconcertante silenzio Raggi su manifesto aborto

Di seguito il messaggio apparso su profilo Facebook di Giulia Tempesta, consigliera del Pd capitolino. "Ieri abbiamo chiesto a gran voce al Campidoglio di intervenire e di rimuovere il manifesto antiabortista ProLife che offende le coscienze di tutte le donne.

Tempesta: delibera 50 del 2014 vieta messaggi di questo tipo

Roma – Di seguito il messaggio apparso su profilo Facebook di Giulia Tempesta, consigliera del Pd capitolino. “Ieri abbiamo chiesto a gran voce al Campidoglio di intervenire e di rimuovere il manifesto antiabortista ProLife che offende le coscienze di tutte le donne. Non è solo portatore di un messaggio vergognoso ma strumentalizza un fenomeno sempre più crescente e pericoloso come quello del femminicidio”.

“Per fortuna a Roma, ma forse la Sindaca non se ne è accorta, abbiamo una delibera che vieta pubblicità con contenuti di questo tipo -spiega Tempesta-. Perché la Sindaca non lo applica e aggira una norma a tutela delle donne? Il Campidoglio non solo non prende le distanze, ma fa sapere con uno sterile comunicato che l’impianto in questione è gestito in concessione da una società privata e non dal Comune stesso. Dobbiamo ricordare all’attuale amministrazione che la delibera 50 del 2014 vieta messaggi di questo tipo (nel dettaglio quelli razzisti, sessisti e lesivi della dignità delle persone) anche sugli impianti dati in concessione”.

Ma ancora più sconcertante, a mio parere, è il silenzio sul contenuto del manifesto della Sindaca Virginia Raggi, prima donna a guidare la Capitale. Non ci si erge a paladini delle donne a giorni alterni, su questioni del genere, non si può rimanere indifferenti” -conclude Tempesta-.