Quantcast

Ucbm Roma, Ciccozzi: Regione Lazio bene con vaccini, no critiche a D’Amato

Roma – “La Regione con l’assessore Alessio D’Amato hanno il merito di aver messo il Lazio in sicurezza sin dalla prima ondata, sin dall’arrivo a Roma dei due turisti cinesi all’inizio del 2020, quando ancora non si parlava di Covid 19 in Europa.”

“L’efficacia organizzativa e il rigore impiegato nella gestione della situazione pandemica, nell’istituzione dei Covid center, nell’attivazione dei drive in per i tamponi e dei centri vaccinali sono un modello di efficienza e di salute pubblica.”

“Esprimo preoccupazione per quel che le persone possono recepire sull’alleggerimento delle norme di prevenzione e di massima precauzione. Personalmente, da scienziato, sarei più sereno nel vedere le persone indossare ancora la mascherina anche nei luoghi aperti dove possono crearsi affollamenti.”

“Ritengo necessario chiarire e precisare che in nessun modo le opinioni sulle scelte del Cts e le declinazioni operative sul territorio possano essere interpretate da chicchessia come una critica nei confronti dell’operato della Regione. L’anticipo a 8 settimane della seconda dose di AstraZeneca è nelle disposizioni emanate dall’Aifa (circolare Aifa del 2 giugno 2021).”

“La complessità comunicativa legata alle vaccinazioni anti Covid impongono una stretta alleanza tra istituzioni, medici e cittadini per operare di volta in volta la scelta vaccinale più consona non solo alla salute delle persone ma anche alla loro capacità di interpretarne il valore. Altrimenti le scelte operate diventano difficili da comunicare. Le strategie vaccinali stanno funzionando con risultati invidiabili a livello internazionale”. Così in un comunicato Massimo Ciccozzi, direttore dell’Unità epidemiologica all’Università Campus Bio-Medico di Roma.