Quantcast

Vaccino, Camilli: sede Unindustria potrebbe diventare hub

Roma – “Sin dall’inizio della pandemia, un anno fa, il sistema delle imprese ha messo in campo tutte le procedure idonee a prevenire il contagio. Grazie a tutto questo, i luoghi di lavoro, dove gia’ si operava nella massima sicurezza, sono diventati ancora piu’ sicuri. L’epidemia ancora non e’ finita, ma abbiamo la grande arma del vaccino.”

“Abbiamo quindi deciso di mettere a disposizione della Regione Lazio gli spazi della nostra sede, che potrebbe diventare un hub importante per tutta Roma est e non solo.”

“Vogliamo lavorare, inoltre, su un protocollo che incoraggi le imprese associate a mettersi a disposizione per agevolare in qualunque modo la campagna vaccinale”. E’ quanto afferma e spiega il presidente di Unindustria, Angelo Camilli, in un’intervista sul giornale Il Caffe’ di Roma.

Per quanto riguarda il contributo legato all’economia e al mondo delle imprese, “abbiamo una piattaforma di proposte che stiamo condividendo con le altre associazioni datoriali. Ad esempio abbiamo lanciato il tema dei grandi eventi, come L’Expo 2030 o 2035 che la Sindaca Virginia Raggi ha recepito, perche’ riteniamo che gli eventi siano degli importanti contenitori progettuali per tutto quello che occorre alla citta’”.

Sul tema dei poteri di Roma Capitale, secondo Camilli “trasformare i municipi in comuni veri e propri sarebbe gia’ un grosso passo avanti. Temo pero’ che servano tempi lunghi per realizzare queste riforme ma questo non ci deve assolutamente distrarre dal fatto che anche la gestione ordinaria della citta’ e’ fondamentale e qui non servono grandi riforme ma soltanto gente competente e preparata e risorse economiche ben definite”.