RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Valeriani: Roma o fa discarica o manda all’estero

Roma – I primi giorni di gennaio chiudera’ la discarica di Colleferro e “senza interventi strutturali immediati di Ama e del Campidoglio si potranno creare seri problemi igienico sanitari in tutta la citta’”. L’assessore ai Rifiuti della Regione Lazio, Massimiliano Valeriani, fa risuonare di nuovo l’allarme su Roma e lo fa in occasione di una seduta straordinaria del Consiglio regionale. “Le soluzioni su cui il comune dovrebbe lavorare sono almeno due: attraverso Ama potrebbe realizzare una discarica di servizio che compensi la chiusura di quella di Colleferro, che si conosce da piu’ di un anno e mezzo, oppure potrebbe bandire una gara europea per il trattamento e il conferimento dei rifiuti all’estero, come era stato ipotizzato dal Campidoglio nella cabina di regia allestita al ministero dell’Ambiente, ma si e’ rivelata ben presto di difficile attuazione a causa della crisi gestionale dell’Ama. L’azienda e’ inaffidabile sul mercato per la mancata approvazione dei bilanci 2017, 2018 e tra poco pure quello del 2019”.

Quindi si torna alla necessita’ di realizzare la discarica, altrimenti “quello che rischia di prospettarsi e’ uno scenario molto preoccupante. Nei giorni scorsi, a causa di un incidente drammatico dentro l’impianto di Colleferro dove un operaio ha perso la vita, c’e’ stata l’esigenza di un’interruzione dei conferimenti in discarica e abbiamo avuto la misura delle criticita’ che si possono generare con la chiusura di quell’impianto. Questa emergenza contingente e’ stata superata tuttavia la chiusura a fine anno di questa discarica e’ improcrastinabile- ha spiegato Valeriani- Non ci sono soluzione alternative da parte di Roma capitale e gli altri impianti del territorio regionale non sono in grado di compensare questa chiusura”.

Valeriani ha anche smentito il fatto che senza un nuovo piano rifiuti non si possa realizzare la discarica a Roma: “Il piano non e’ motivo per cui qualcuno puo’ accampare qualcosa per non fare nulla. Gli impianti di Roma si potevano fare anche in forza del piano precedente. Bisogna dire agli amministratori che il tema rifiuti riguarda loro”. Ogni giorno nella discarica di Colleferro vengono smaltite “circa 1.000 tonnellate di scarti provenienti da Roma, che produce mediamente 18mila tonnellate di rifiuti indifferenziati e lo smaltimento degli scarti e’assicurato al 100% da discariche all’esterno del territorio capitolino- ha concluso Valeriani- Roma produce il 60% dei rifiuti del Lazio ma non e’ autosufficiente e dovrebbe rapidamente puntare a costruire le condizioni per un sistema di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti da completarsi nel suo territorio come previsto nel nuovo piano rifiuti, che proprio oggi ha completato l’iter della valutazione ambientale strategica ed entro il mese si concludera’ la procedura amministrativa per poi attivare il Consiglio”.