Quantcast

Varriale a Pm: io e Cerciello ci qualificammo

Roma – Il vicebrigadiere dei Carabinieri, Mario Cerciello Rega, e il suo collega, Andrea Varriale, si qualificarono con i due americani, Finnegan Lee Elder e Christian Gabriele Natale Hjordt, la notte del 26 luglio prima che cominciasse la colluttazione in via Federico Cesi che ha portato alla morte di Cerciello, colpito da 11 coltellate sferrate dal reo confesso Elder. Varriale, lo scorso 9 agosto, nel corso di un’audizione con i magistrati della Procura di Roma, tra cui anche il procuratore reggente, Michele Prestipino, ha confermato che “quella sera ci qualificammo mostrando la placca identificativa”. In quel racconto, l’unico fornito da Varriale agli inquirenti, che lo ritengono credibile, il carabiniere superstite ha anche ammesso che sia lui che Cerciello non avevano l’arma di ordinanza con loro, perche’ l’attivita’ di controllo delle piazze di spaccio viene svolta in borghese e con un abbigliamento che rende complesso l’occultamento dell’arma.