Quantcast

Via Salviati, Lega visita campo nomadi: Raggi ancora non l’ha chiuso

Più informazioni su

Roma – “Raggi aveva promesso al chiusura del campo rom di via Salviati un anno fa. E’ ancora qui, degradato, con i bambini che sono costretti a giocare in mezzo ai topi e che non vanno a scuola”. Questo, in estrema sintesi, e’ quanto hanno dichiarato alcuni esponenti della Lega al termine di un’ispezione, questa mattina, al campo rom di via Salviati.

A visitare la baraccopoli in zona Tor Sapienza sono stati alcuni dirigenti del partito, guidati dal consigliere comunale Maurizio Politici, dalla consigliera regionale Laura Corrotti e dal dirigente della Lega Roma, Antonio Del Greco.

Il campo si trova tutt’ora in condizioni disastrose: spazzatura ovunque, baracche precarie, sporcizia. Tra le casette del campo un grosso ecco spuntare un grosso topo morto, con altri roditori a correre in mezzo ai rifiuti, insieme a galli e galline.

“La situazione in questo campo nomadi e’ agghiacciante- ha spiegato Politi- I bambini sono costretti a vivere con i topi, alcuni morti e che non vengono nemmeno tolti. Basta pensare che sia l’amministrazione a non dare le giuste risposte: va cambiato completamente il modo di vivere e se non lo si cambia e’ assurdo pensare che noi possiamo lasciare dei bambini crescere in questo modo.”

“Tanti di loro non vanno a scuola, non si integrano e se non ti integri e’ verosimile che da grande ripeterai gli stessi atteggiamenti dei tuoi genitori.”

“Tutto questo e’ inaccettabile: le amministrazioni pubbliche hanno speso centinaia di milioni di euro, un inaccettabile sperpero di risorse pubbliche che va terminato. Soprattutto va terminata questa speculazione sui bambini che vanno tolti da questi contesti e posti realmente in un percorso di integrazione che parte dalla andare a scuola”.

“Il sindaco di Roma aveva promesso nel piano Rom di chiudere questo campo entro dicembre 2020: siamo ad aprile 2021 e questo non e’ avvenuto- ha aggiunto Corrotti- Anzi, ha installato anche delle telecamere e questo fa capire che non c’e’ l’intenzione da parte della Raggi di chiudere il campo di via Salviati.”

“Telecamere, inoltre, che ovviamente non serviranno a nulla perche’ la situazione dentro e’ l’inferno, qualcosa di veramente disastroso. Ci sono rifiuti ovunque e persone che vivono all’interno di case fatiscenti con una situazione igienico-sanitaria in crisi.”

“Non c’e’ la possibilita’ di far vivere queste persone in modo piu’ dignitoso e nel piano rom la Raggi ho speso un milione per trovare delle soluzioni che sono state completamente fallimentari.”

“Ultimamente ha promesso di sgomberare dei campi ma quello che ha fatto in realta’ e’ stato solo mettere delle persone che stavano in un campo Rom all’interno di edifici destinati alle persone positive al covid e quindi in quarantena, mettendo a rischio anche la salute pubblica dei cittadini”.

“Un conto e’ l’accoglienza, un altro il profondo degrado- ha concluso Del Greco- Abbiamo visto stamattina una situazione veramente ai limiti della sopportabilita’ umana e non riusciamo a comprendere come mai nessuno sotto il profilo sanitario e politico intervenga. Qui tra l’altro nessuno indossa la mascherina”.

Più informazioni su