Zaghis: Ama protezione civile ambiente, nessuna programmazione da 37 anni

Roma – “Il Piano industriale di Ama si regge su quattro capisaldi: sostenibilita’, coerenza, credibilita’ e concretezza. Su questi abbiamo costruito le nostre linee guida, con una metodologia volta alla chiusura del ciclo dei rifiuti attraverso scenari progressivi che permetteranno all’amministrazione di decidere fra ‘make’ o ‘buy’, compro o faccio impianti. La concretezza del piano si basera’ su cio’ che si puo’ fare oggi e nei prossimi 5 anni”. Lo ha detto l’amministratore unico di Ama, Stefano Zaghis, aprendo con la sua relazione la seduta straordinaria dell’Assemblea capitolina sul tema rifiuti. “Ascoltando le parole della Raggi mi viene in mente una sola frase: mancanza di programmazione. Non si puo’ non programmare per 37 anni quello che bisogna fare per la tutela della salute dei cittadini di Roma. Ama lavora con me da 2 mesi, ma ormai mi dicono da 7 anni, come una specie di protezione civile ambientale di Roma a causa della mancanza di programmazione”, ha concluso.