RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Zetema incaricata di gestire impianti e eventi sportivi, ma polemiche in M5S

Più informazioni su

Roma – L’Assemblea capitolina, riunita in seconda convocazione, ha approvato con 18 voti favorevoli, 5 contrari e 2 astenuti la delibera 102/2019 contenente modifiche allo statuto di Zetema Progetto Cultura Srl, affidando alla municipalizzata anche le competenze in materia di gestione di grandi impianti sportivi per la progettazione, l’organizzazione, lo sviluppo e la promozione di eventi sportivi e culturali anche all’interno degli stessi.

Allo stesso tempo, il provvedimento autorizza il rappresentante dell’amministrazione capitolina in seno alla prima assemblea utile dei soci di Zetema a esprimere il voto favorevole del socio di Roma Capitale in ordine all’approvazione delle suddette modifiche statutarie. A illustrare la delibera all’Aula e’ stato il vicesindaco e assessore alla Crescita culturale, Luca Bergamo: “Questo provvedimento mira ad ampliare le funzioni di Zetema coinvolgendo la societa’ nella gestione di attivita’ e impianti sportivi nella pienezza delle funzioni. È parte di un disegno di riorganizzazione dei servizi culturali e del turismo con un criterio ordinato di programmazione e ripartizione delle competenze”.

Ancora una volta polemiche all’interno del gruppo M5S, con la consigliera Gemma Guerrini che ha bollato il provvedimento come “un passo falso da parte di questa maggioranza”.

La modifica allo statuto arriva pochi giorni dopo la delibera di Giunta – approvata il 10 gennaio scorso – che contiene il contratto di affidamento di servizi da stipularsi tra Roma Capitale e Zetema Progetto Cultura Srl per il triennio 2020-2022. All’interno del testo vengono riportati i corrispettivi a carico dell’amministrazione capitolina per il triennio 2020-2022, per un importo complessivo di 128.333.515 euro (iva inclusa) di cui 42.832.031 euro nel 2020, 42.750.742 euro nel 2021 e 42.750.742 euro nel 2022, cosi’ divisi per struttura e annualita’: Sovrintendenza capitolina ai Beni culturali, 35.101.836 euro per ogni anno del triennio per un totale di 105.305.510 euro; dipartimento Turismo, Formazione professionale e Lavoro per ogni anno 2.882.368 euro per un totale 8.647.105 euro; dipartimento Servizi educativi e scolastici, 200.000 euro nel 2021 e 120.000 euro nel 2021 e 2022, per un totale di 440.000 euro; dipartimento Sport e Politiche giovanili 900.000 euro per ogni anno per un totale di 2.700.000 euro; dipartimento Servizi Delegati 71.289 euro nel 2020 e 70.000 euro nel 2021 e 2022, per un totale di 211.289 euro; Gabinetto della sindaca 2.000.000 euro per ogni anno per un totale di 6.000.000 euro; dipartimento Attivita’ culturali 1.676.537 euro per ogni anno per un totale di 5.029.611 euro.

Più informazioni su