Quantcast

Zevi: spero in primarie centrosinistra, anche con Calenda

Roma – “Le primarie secondo me devono essere di centrosinistra, non solo del PD- ha affermato Zevi- A me non interessa una competizione di partito. Spero che anche Calenda si misuri come tutti gli altri alle primarie di centrosinistra. Si deve aprire una discussione in citta’ sul futuro di Roma dopo la pandemia.”

“Occorre che siano i cittadini a scegliere il candidato o la candidata sindaco, non possono essere due dirigenti dentro una stanza. Gualtieri? La notizia non l’ha data il PD, l’hanno data i giornali, magari imbeccati da qualche esponente del PD che non ha fatto una gran figura.”

“I responsabili regionali e comunali del Pd hanno confermato che le primarie non sono in discussione. Senza primarie secondo me il quadro non si riesce a sciogliere. Comunque non escludo di candidarmi anche se non si facessero le primarie. E’ positivo comunque che nelle ultime settimane si sia ricominciato a parlare di Roma.”

“Bisogna chiedere piu’ risorse e piu’ competenze per Roma e dar vita alla famosa riforma amministrativa senza la quale la citta’ non e’ governabile. Vediamo quello che succede nelle prossime settimane”. Lo ha detto Tobia Zevi, intervenuto ai microfoni della trasmissione “Cosa succede in Citta’”, condotta da Emanuela Valente su Radio Cusano Campus.