Quantcast

Zingaretti: Regione Lazio apripista di una grande alleanza

Roma – “Siamo gli apripista di un grande accordo e di un’alleanza per il lavoro che si basa su un grande investimento economico e finanziario, il piu’ grande fatto in Italia sulle politiche attive per il lavoro, con l’idea di rovesciare lo squilibrio storico dalle politiche passive a quelle attive”. Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e’ entusiasta del patto firmato con sindacati e parti datoriali sintetizzabile in una parola: ponte.

“L’abbiamo messa, al posto di sussidi o politiche passive, perche’ questo termine da’ dignita’ alle persone che vogliamo prendere da una situazione di indigenza, paura e preoccupazione del lavoro e accompagnarle a un buon lavoro che dia dignita’- ha spiegato- Il ministro Orlando ha gia’ annunciato grandi novita’ sotto questo punto di vista ma noi siamo pronti.”

“Questo pacchetto di 21 misure e’ figlio della concertazione col mondo associativo e tutto questo deve andare insieme a un impegno, che stiamo portando avanti, di portare investimenti nel Lazio”.

Zingaretti, in questo senso, ha lanciato “un appello alle imprese italiane ed europee per venire a investire nel nostro territorio, anche grazie alle nuove politiche anticrisi che stiamo mettendo in campo. Vogliamo lavorare a sostegno delle imprese per riconvertire, aggiornare e innovare la produzione, di tutti coloro che sono in cassa integrazione, per accompagnarli attraverso gli investimenti ad essere forza viva della nostra produzione, e per riportare qui ricchezza scientifica e intellettuale”.

Di tutte le misure contenute nel patto, il governatore si e” detto “molto contento” di una in particolare: “Il fatto che nel Lazio abbiamo introdotto la quota di genere in tutti i bandi regionali. Non per fare la carita’ ma perche’ siamo convinti che piu’ all’interno del mondo delle aziende e’ presente il tema dell’equilibrio di genere e piu’ aumenta la competitivita’ e la ricchezza del nostro comporto del lavoro. Abbiamo gia’ bandito 4 gare da 190 milioni in cui sono premiate aziende che contrastano il gender gap”.

Secondo Zingaretti “c’e’ bisogno di questo spirito di una grande alleanza per il lavoro, perche’ c’e’ il rischio di un disastro sociale per chi vede la propria attivita’ chiudere e, accanto alla vicenda sanitaria, si sta determinando un drammatico rischio produttivo e sociale. Nei tavoli verificheremo l’esito, le tappe e i processi che si mettono in moto, ma mi auguro che da oggi arrivi a tutti un grande segnale di speranza”.