RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Zingaretti: stop a buche, Nettunese sarà prima via ‘verde’ del Lazio

Roma – “Aprono 120 cantieri sulle strade del Lazio: circa 100 imprese coinvolte per produrre lavoro, intervenire sulla viabilita’, con un investimento di 100 milioni di euro che con i ribassi d’asta porteranno a lavori per 130 milioni di euro. Finalmente interveniamo sulle strade che abbiamo preso in carico delle Province, perche’ l’obiettivo del ‘basta buche’ si ottiene solo con i lavori pubblici. Ieri abbiamo presentato i 500 nuovi bus Cotral, oggi interveniamo sulle buche anche per fare in modo che anche questi bus durino di piu'”.

Il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, sottolinea l’operazione di manutenzione condotta da Astral su una parte dei 680 km di strade presi in carico dalle ex province, mentre lo stesso chilometraggio di strade regionali e’ stato ceduto ad Anas lo scorso anno. “Lo scambio fatto con Anas e’ stata una scelta giusta anche se all’epoca carica di rischi- ha detto Zingaretti- Sta andando bene ed e’ il segnale di un’operazione che funziona”.

Al trasferimento e’ stata accompagnata la volonta’ di innovare nella manutenzione delle arterie, Zingaretti e’ rimasto colpito da un’opera in particolare, quella relativa alla via Nettunense: “La grande novita’ e’ la sperimentazione dell’asfalto green: la via Nettunense sara’ la prima via verde del Lazio e forse, in questo modo, d’Europa, perche’ verranno anche piantumati 1000 nuovi alberi del progetto ‘Ossigeno’ della Regione, con un intervento sulla qualita’ urbana che non ha precedenti della storia della nostra Regione.”

“Quindi, dopo la Nettunense vedremo come continuare, ma intanto parte per 40 km questa grande scommessa anche dell’asfalto green, che e’ un segnale per tutto il nostro Paese. È un fiore all’occhiello e rappresenta un esempio di sperimentazione e di come intervenire sul territorio”. Per il presidente “investire per 133 milioni di ore pubbliche, di cui ne spendiamo 100, e’ un grande sforzo amministrativo in un paese in cui si dice che non succede mai nulla e rappresenta anche un segnale di inversione di tendenza”.