RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Agguato Pisana, si allunga la scia di sangue nella Capitale: 36 morti in 12 mesi

Più informazioni su

Si allunga la scia di sangue che dal 2011 sta sconvolgendo la Capitale. Con l’omicidio di oggi alla Pisana sono già tre i morti nei primi 24 giorni dell’anno, che – sommati ai 33 del 2011 – fanno lievitare il triste bilancio a 36 morti ammazzati in 12 mesi. All’inizio dell’anno, il 4 gennaio, due banditi su uno scooter freddarono davanti al portone di casa, nel quartiere di Torpignattara, il 31enne cinese Zhou Zheng e la figlioletta di nove mesi Joy nel tentativo di rapina. Nella colluttazione venne anche ferita la moglie dell’uomo. Ma la maggior parte delle vittime sono cadute in una guerra senza quartiere tra gruppi di criminali che si fronteggiano per il controllo dello spaccio di droga. Il 2011 si chiuse con il ferimento di un uomo con precedenti a San Lorenzo, prologo di un anno difficile che si aprì con l’esecuzione di un pregiudicato calabrese al Prenestino. A questo si susseguirono altri 32 omicidi, alcuni dei più clamorosi ancora insoluti. E non pochi avvenuti in strada. Primo fra tutti l’uccisione di Flavio Simmi, 33 anni, assassinato a luglio in pieno giorno nel centralissimo quartiere Prati da due killer arrivati a bordo di uno scooter. Lo stesso mezzo usato in tantissimi altri agguati culminati in un omicidio o in un ferimento. L’ultima rapina in strada finita nel sangue, invece, risale alla fine del settembre scorso: un pensionato di 68 anni, Ennio Lupparelli, fu investito nel quartiere di San Basilio dall’auto di un pregiudicato che aveva scippato la moglie e che l’uomo stava inseguendo. L’anziano morì dopo il ricovero in ospedale. Il 23 agosto venne assassinato a Morena, periferia sud-est di Roma, un 18enne volontario della Croce Rossa, Edoardo Sforna. Il ragazzo fu freddato davanti alla pizzeria dove lavorava da pochi giorni come fattorino. Il 22 novembre, due pregiudicati restarono vittime di due attentati a colpi di pistola ad Ostia, sul litorale romano. Il 12 dicembre Marco Attini, romano di 38 anni, fu colpito al cuore mentre era in auto con la fidanzata da due uomini a bordo di uno scooter, a Tor Vergata. Ed ora un’altro omicidio, ancora per strada, ancora a colpi di pistola.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.