RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Ainis: e ora le riforme, una per volta

Più informazioni su

Nell’editoriale di oggi su Repubblica, Michele Ainis punta il dito su aspetti del voto al referendum sulla riforma Boschi che troppi sembrano non vedere: l’affluenza alle urne dimostra che esiste una energia civica degli italiani, ma solo quando riguarda le sorti della democrazia; si è votato sulla modifica della Costituzione, non sul governo Renzi e sulla sua politica; non è vero che sia finita per chissà quanto tempo la stagione delle riforme, anzi: adesso è il momento di ricominciare, ma affrontandone una per volta, senza minestroni immangiabili.

Per Ainis l`oggetto del quesito “non era il (cattivo) carattere di Renzi, né il nostro rapporto con l`Europa. Era la Costituzione, tutto qui. Cambiarla o conservarla. E suona un po` paradossale la lettura che interpreta il successo del No come un voto di protesta: chi protesta vuol modificare l`esistente, in questo caso viceversa l`ha salvato. (…) Il quesito conta, mica si può ignorarlo. Altrimenti ignoreremmo la lezione che ci impartisce ciascun voto popolare. Specie in quest`ultima vicenda, dov`era in gioco la qualità della nostra vita democratica. E dove le lezioni, a conti fatti, sono almeno un paio”.

Il primo punto per Ainis riguarda l`affluenza: “Coinvolge il 69% del corpo elettorale, superando di gran lunga il dato dei due precedenti referendum costituzionali (34% nel 2001, 52% nel 2006) e surclassando l`indice di partecipazione all`ultimo referendum abrogativo, quello dello scorso aprile sulle trivellazioni in mare (31%). Significa  che l`apatia elettorale di cui continuamente si discetta  non è un dato permanente: dipende dall`argomento, non dal sentimento. Significa altresì che in Italia circola un`energia civica, un senso d`affezione verso le sorti della democrazia. (…)”.

montecitorioIl secondo punto indicato da Ainis riguarda le riforme: “Non è vero che ormai siano un capitolo chiuso, non è vero che la nostra Carta rimarrà
inalterata per tutti i secoli a venire. Non è affatto questa la lezione della storia, dato che negli ultimi trent`anni ne abbiamo modificato 35 articoli, un quarto del totale. Nello stesso lasso di tempo, tuttavia, sono saltate per aria 3 Bicamerali, mentre 2 maxiriforme hanno incassato un niet dagli elettori (nel 2006 e nel 2016) . Per quale ragione? Perché i grandi rivolgimenti costituzionali nascono da un vissuto comune, da un`esperienza affratellante che permette di colmare divisioni politiche e fratture culturali. (…) Questa medesima unità è adesso replicabile soltanto su interventi chirurgici, puntuali. Su ammodernamenti progressivi, senza pretendere di riscrivere in un amen l`universo. Come d`altronde impone la logica dell`articolo 138 della Costituzione, e come in quest`ultima riforma avrebbe suggerito qualche grammo di prudenza”. (…) Il testo integrale dell’editoriale di Ainis si può leggere sulla Repubblica di oggi, nell’edizione cartacea o in quella digitale.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.