RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Alemanno: “C’è rischio infiltrazione Mafia a Roma. Più uomini e mezzi per la sicurezza. Ricostruiremo mercati di via Chiana e Magna Grecia”

Più informazioni su

«C’è il rischio che entrino in contatto bande territoriali e grande criminalità». A dirlo il sindaco di Roma Gianni Alemanno, dopo l’incontro con il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, aggiungendo: «Se avviene questo contatto avremo un problema di una criminalità di stampo mafioso a Roma. Inseriremo più uomini, più mezzi, più controllo del territorio». «Le bande territoriali hanno un contatto indiretto con la grande criminalità organizzata che gli fornisce la droga. Ora c’è il rischio che entrino in contatto e che le bande territoriali cerchino una legittimazione come avvenne per la banda della Magliana». «Se avviene questo -ha ribadito Alemanno- avremo il problema di una criminalità di stampo mafioso a Roma». «Il punto è -ha continuato spiegato che- che secondo il prefetto siamo di fronte ad una guerra tra bande che si contendono lo spaccio della droga. Io temo che questa guerra non sia fisiologica ma ci sia qualcosa di più nel senso di una volontà di affermarsi sul territorio e di creare un contatto stabile con la criminalità organizzata che ha già comprato pezzi di economia romana e che finora si è limitata ad investire». «Ho trovato un ministro molto attento e sollecito e il suo cuore batte forte per Roma». «Mi ha dato -ha spiegato Alemanno- massima disponibilità e attenzione per affrontare tutte le difficoltà sulla sicurezza. Il ministro mi ha garantito una mobilitazione al fianco del Comune, della Prefettura e della Questura per garantire massima reattività rispetto alla criminalità organizzata». «Entro dieci giorni ci dovrebbe essere la firma del terzo patto per Roma sicura, opportunamente rivisto». «Un elemento da approfondire è la questione del pizzo. Ci sono segnali sulla presenza del pizzo in alcune zone di Roma ma mancano denunce specifiche». Sottolinea il sindaco. «Bisogna capire se c’è il rischio reale di un racket territoriale su Roma. Tutti questi filoni -ha aggiunto il sindaco- devono essere verificati con la massima reattività». «Ho lanciato un allarme forte per quanto riguarda la criminalità organizzata -ha spiegato Alemanno- perchè preferisco alzare i toni e avere una reattività adeguata piuttosto che minimizzare il fenomeno e avere qualche sorpresa».

«È molto vicino l’intervento che permetterà di ristrutturare completamente i mercati di via Chiana e Magna Grecia facendo project finance molto significativi». «Il ruolo dei costruttori a Roma è fondamentale. Ma dobbiamo fare tutto il possibile per superare vincoli del patto di stabilità e soprattutto fare in modo che l’edilizia sia un motore di sviluppo qualitativo, e non solo quantitativo per la città». È quanto dichiarato dal sindaco di Roma Gianni Alemanno prima di partecipare all’assemblea annuale dell’Acer che si sta svolgendo nella capitale all’Auditorium Parco della Musica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.