RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Bastardi a piazza Navona: danneggiano Fontana del Moro

Più informazioni su

Vandali in azione a piazza Navona a Roma. La fontana del Moro è stata danneggiata, presumibilmente la scorsa notte. Questa mattina un agente della polizia municipale si è accorto di alcuni frammenti sparsi di alcune figure appartenenti alla fontana. Questi ultimi, però, essendo stati già danneggiati in passato, secondo quanto si è appreso, sono una copia delle statue originali della fontana, opera di Giacomo della Porta. I vigili del I gruppo stanno cercando di individuare i responsabili attraverso le immagini delle telecamere istallate sulla piazza. È stata inoltre attivata la Sovrintendenza e il Centro monitoraggio per recuperare i frammenti trovati.

 

La «Fontana del Moro», danneggiata da vandali ancora da individuare, è tra le più antiche fontane rinascimentali di Roma, una delle tre fontane monumentali di piazza Navona, opera di Giacomo della Porta rielaborata poi da Loerenzo Bernini che, secondo la tradizione per il volto del Moro si ispirò ai tratti, già allora molto rovinati della statua di Pasquino, dove venivano appese le ‘pasquinatè, fogli con versi satirici. Subito dopo il restauro dell’acquedotto dell«Aqua Virgò, terminato nel 1570, furono iniziati i lavori per una ramificazione sotterranea secondaria del condotto, in modo da raggiungere l’area dell’antico Campo Marzio, tra le zone più popolose di Roma, e venne di conseguenza progettata anche l’edificazione di un certo numero di fontane. Tra le prime furono commissionate da Papa Gregorio XIII, nel 1574, a Giacomo Della Porta, le due poste alle estremità di Piazza Navona (all’epoca ‘piazza in Agonè), di cui la Fontana del Moro è quella che si trova sul lato meridionale, rettilineo, della piazza. Il progetto del Della Porta prevedeva una vasca marmorea a pianta mistilinea poggiata su due gradini, che poco dopo venne circoscritta da una cancellata. Stesso progetto e stessi interventi anche per l’altra fontana della piazza, quella poi chiamata »del Nettuno«, all’estremità settentrionale. Per la decorazione vennero usati i quattro tritoni che due anni prima erano stati realizzati ma non utilizzati per la fontana di piazza del Popolo, insieme a gruppi rappresentanti un mascherone tra due delfini. In occasione della realizzazione, al centro della piazza, della «Fontana dei Quattro Fiumi», nel 1651 Papa Innocenzo X affidò a Bernini anche l’ampliamento della fontana meridionale, con la rimozione dei gradini e della cancellata e la costruzione di una vasca esterna più ampia, della stessa forma di quella interna. La grossa conchiglia, la cosiddetta ‘lumacà, con tre delfini, con cui Bernini ornò la fontana, non piacque al papa, che l’anno successivo trasferì l’intero gruppo in una villa sul Gianicolo. Un successivo tentativo incontrò finalmente il favore di Innocenzo X: una figura maschile trattiene per la coda un delfino che getta acqua dalla bocca, scolpito da Giovanni Antonio Mari. I tratti somatici della figura richiamano vagamente le caratteristiche di un uomo di colore, particolare che bastò per dare alla fontana il nome che conserva tuttora. Nel 1874, contemporaneamente alla realizzazione definitiva della fontana settentrionale di piazza Navona, tutti i gruppi scultorei della Fontana del Moro vennero rimossi e trasferiti e sostituiti da copie. Solo in tempi recenti si è proceduto al loro restauro, ma gli originali sono stati utilizzati per altre fontane; i tritoni, in particolare, si trovano nella fontana del laghetto di Villa Borghese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.