Cinquina, picchia la moglie incinta e il figlio di 5 anni

Più informazioni su

    Dopo una lite famigliare ha picchiato violentemente il figlio della compagna, di 5 anni, e anche la donna che, all’ultima settimana di gravidanza, era intervenuta per difendere il piccolo. È successo ieri a Roma e un marocchino di 38 anni, con diversi precedenti penali, è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Roma Monte Mario. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, tutto si è consumato nel primo pomeriggio in un appartamento nella zona della Cinquina. Dopo una lite familiare, scaturita per futili motivi, lo straniero ha picchiato con violenza prima il figlio della compagna di appena 5 anni, avuto da una precedente relazione, e poi la compagna, una 38enne romana all’ultima settimana di gravidanza, che si era messa in mezzo per fermarlo. Il piccolo subito dopo la violenza è stato accompagnato all’ospedale Sant’Andrea, ma viste le gravi condizioni è stato poi trasportato all’ospedale Agostino Gemelli e trattenuto in terapia intensiva. La madre invece ormai pronta a partorire il figlio del violento compagno, a causa del forte stato di agitazione è stata portata all’ospedale Villa San Pietro. I militari, dopo aver ricevuto la denuncia da parte del padre naturale del piccolo, poichè la mamma aveva omesso di raccontare ai medici come erano andate realmente le cose, hanno avviato indagini al termine delle quali la donna, messa alle strette, ha ammesso quanto accaduto realmente. I militari hanno bloccato il 38enne a Torvajanica, presso la stazione carabinieri, dove ha l’obbligo di recarsi a firmare, come stabilito dal Tribunale di Roma, dopo essere stato condannato per precedenti reati contro la persona. Visti i precedenti con la giustizia lo straniero è stato portato prima in caserma a Roma e successivamente associato, come disposto dall’autorità giudiziaria, al carcere di Regina Coeli per rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia. Le indagini dei carabinieri hanno potuto appurare, purtroppo, che analoghi episodi di violenza si erano verificati più volte anche in passato, infatti l’uomo ha in atto un altro procedimento per maltrattamenti.

    Più informazioni su