RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Guerriglia in strada a Casal Bertone tra militanti estrema destra CasaPound e Collettivi di estrema sinistra. VIDEO

Più informazioni su

Scontri a Roma, nel quartiere periferico di Casal Bertone, tra appartenenti al movimento di estrema destra CasaPound e militanti dei Collettivi di estrema sinistra. Le forze dell’ordine sono intervenute con una carica di alleggerimento e al momento la situazione sarebbe sotto controllo, secondo quanto si apprende. I due gruppi si sono fronteggiati con lancio di oggetti e di bombe carta. CasaPound e Collettivi si sono scambiati accuse reciproche sulla causa scatenante delle violenze. La tensione in via degli Orti di Malabarba, nei pressi di una sede di CasaPound, sarebbe scaturita da un episodio di qualche ora prima. Durante una lite tra gruppi di tre o quattro persone delle due diverse fazioni, un giovane, probabilmente dei collettivi, sarebbe stato ferito con una testata sul naso. L’uomo ha rifiutato le cure mediche, secondo quanto accertato. Gli esponenti di CasaPound hanno invece riferito che, precedentemente, nella tarda mattinata di oggi la madre di un militante del movimento sarebbe stata riconosciuta e aggredita nella vicina via di Portonaccio. Alcuni «estremisti di sinistra» avrebbero «tentato di impedirle di passare con l’auto e preso a calci la vettura», secondo la versione di CasaPound.

«Trecento militanti di estrema sinistra, armati di mazze, caschi e bastoni, hanno assaltato, anche a colpi di bombe carta, il Circolo Futurista Casal Bertone a Roma, struttura occupata di CasaPound Italia, che proprio oggi festeggia i cinque anni di vita». È quanto si legge in una nota del movimento di estrema destra, secondo la quale al Circolo futurista «in questo momento sono riunite un centinaio di persone che stanno tenendo un presidio contro la violenza dopo che questa mattina la madre di un militante del movimento è stata aggredita nelle vicinanze, in via di Portonaccio». «Si tratta di un attacco premeditato – afferma Casapound -, di un assalto preordinato da giorni proprio in vista dell’anniversario del Circolo. Chiediamo che qualcuno intervenga immediatamente per interrompere un’aggressione pianificata a tavolino e che arriva dopo giorni di provocazioni da parte degli antifascisti del quartiere».

Casal Bertone è presidiato dalle forze dell’ordine, dopo gli scontri avvenuti questo pomeriggio nel quartiere tra militanti del centro sociale Magazzini popolari e del Circolo futurista di CasaPound Italia. Al momento esponenti dei due gruppi politici sono in strada schierati davanti alle rispettive sedi, guardati a vista da polizia e carabinieri. Le tensioni erano iniziate nel primo pomeriggio. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri intervenuti sul posto, tre ragazzi del Circolo Futurista stavano sostando poco lontano dal Centro sociale Magazzini popolari, in via Baldissera. Per questo la pattuglia dei carabinieri si è fermata per verificare cosa stessero facendo. Poco dopo due militanti del centro sociale di sinistra sono usciti in strada e c’è stato uno scontro. A quel punto sono stati tutti bloccati dai carabinieri che li hanno portati in caserma per l’identificazione. Una volta in caserma i militanti di Casapound hanno raccontato di una precedente aggressione avvenuta in tarda mattinata. Secondo quanto riferito, alcuni militanti di sinistra avrebbero insultato e aggredito la madre di un militante di destra, ma al momento non ci sono riscontri su quanto dichiarato e i carabinieri stanno cercando di ricostruire i fatti. Nelle vicinanze i militari hanno trovato dei bastoni, anche se non è ancora chiaro a chi appartengano. Dopo le tensioni che si sono verificate nel pomeriggio, sedate dalle forze dell’ordine anche con lancio di lacrimogeni, ora i militanti delle due opposte fazioni sono in strada schierati davanti alle rispettive sedi. La situazione viene monitorata dalle forze dell’ordine.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.