RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Il popolo della nebbia: “Anche oggi in piazza per dire no alla discarica a Monti dell’Ortaccio”

Più informazioni su

“Neanche oggi ci fermiamo e dopo aver installato la Tenda della Solidarietà, oggi saremo ancora in strada dalle ore 14 di fronte alla sede del Ministero dell’Ambiente per far sentire il nostro NO alla discarica che si vorrebbe fare nella Valle Galeria. Il ministro Clini dovrà ricevere una nostra delegazione perché dobbiamo far capire anche a lui cosa significa vivere nelle nebbie per anni ed anni, promettendoci di chiudere la discarica e intanto costruendo un gassificatore”.

Ecco la nota de “Il popolo della nebbia – NO ALLA DISCARICA A MONTI DELL’ORTACCIO”, in rappresentanza della Valle Galeria e in particolare dei quartieri Massimina, Malagrotta, Ponte Galeria, Piana del Sole, Monte Stallonara, Muratella.

Siamo il Popolo della Nebbia, quello che da decenni abita la Valle Galeria, un’area sita ad ovest della città tra il Municipio XV e il Municipio XVI di Roma. Viviamo da sempre nelle nebbie, prodotte dalla mega Raffineria di Roma, dalla discarica di Malagrotta, dal gassificatore e da altre strutture di trattamento dei rifiuti, dall’inceneritore di rifiuti ospedalieri gestito dall’AMA. Un territorio dilaniato da anni di servitù ambientali, fatto di cave, depositi di idrocarburi e altri impianti industriali ad alto impatto inquinante.

Il Popolo della Nebbia è numeroso, siamo in tanti a vivere questa Valle, qui sono sorti quartieri come Massimina, Monte Stallonara, Piana del Sole, Pisana, Ponte Galeria, Spallette, abitati da centinaia e centinaia di cittadini romani che hanno sempre responsabilmente risposto agli oneri che la comunità cittadina gli imponeva.

Ora, finalmente, uno di questi tanti impianti – la discarica di Malagrotta – sembrerebbe avviarsi alla chiusura. Ma alcuni pensano di poter aprire la nuova discarica a Monti dell’Ortaccio, a pochi metri da dove verrà chiusa quella che è ancora oggi la più grande discarica d’Europa.

 

Il Popolo della Nebbia abita oggi in una delle zone più dilaniate dal punto di vista ambientale dell’Italia, indicata da un decreto legislativo del 1999 come zona a rischio Seveso II, a rischio cioè di “disastro ambientale”, per via dei tanti impianti industriali presenti nella zona. Ma che la Valle Galeria sia compromessa dal punto di vista ambientale lo dimostrano soprattutto tutti gli studi scientifici condotti sull’area da Arpa Lazio e dall’Ispra. In altri studi si riscontrerebbe addirittura un aumento delle diagnosi da tumore notevolmente superiore ai dati medi che caratterizzano la città.

 

Il 15 marzo il Sindaco di Roma Gianni Alemanno ha dichiarato pubblicamente che “Monti dell’Ortaccio sarebbe sbagliato perché troppo vicino a Malagrotta, una zona già compromessa dal punto di vista ambientale”. Lo stesso giorno la Presidente della Regione Lazio Renata Polverini dichiarava che “l’unica cosa che al momento si possa escludere, almeno per quello che ci riguarda, è il sito nei pressi di Malagrotta (Monti dell’Ortaccio ndr) perché sappiamo che la commissione europea individua tutta l’area come zona ormai contaminata dal punto di vista ambientale e che quindi oltre la chiusura del sito, deve avere anche una bonifica”.

Dunque siamo qui, con la nostra Tenda della Speranza, per dire al ministro dell’Ambiente Clini che la concreta considerazione dei pareri dei nostri eletti rappresenta la garanzia massima di democraticità in una decisione che rischia per l’ennesima volta di penalizzare il Popolo della Nebbia e di far morire – stavolta definitivamente – la nostra amata Valle Galeria.

PER QUESTO IL POPOLO DELLA NEBBIA DICE NO ALLA DISCARICA A MONTI DELL’ORTACCIO

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.