RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

E’ morto Umberto Veronesi, ha dato la speranza ai malati di tumore

Più informazioni su

veronesi

E’ morto Umberto Veronesi, aveva 90 anni. Il noto oncologo è deceduto nella sua casa di Milano. Da alcune settimane le sue condizioni di salute si erano progressivamente aggravate. Era circondato dai familiari, la moglie e i figli.

Pioniere della chirurgia conservativa, è stato il primo, negli anni Settanta, a sperimentare la quadrantectomia, ovvero l’asportazione di un quadrante del seno. Dimostrando che l’efficacia di questa tecnica era uguale a quella della mastectomia, ma con un impatto estetico e soprattutto psicologico e sessuale di gran lunga inferiore.

Nato nel 1925 vicino Milano e cresciuto da una famiglia cattolica, dopo essere stato bocciato due volte al liceo, nel corso della vita è stato autore di quasi 800 pubblicazioni, ricevendo ben tredici lauree honoris causa, nazionali e internazionali, in Medicina, Biotecnologie Mediche, Fisica, Scienze Agrarie e Scienze Pedagogiche.

Pinto: una grave perdita per tutta l’oncologia italiana

Oltre al cordoglio della comunità politica e sicentifica italiana, un ricordo importante arriva dal settore dell’oncologia medica. “Una grande perdita per tutta l’oncologia italiana”, ha detto il presidente dell’Associazione italiana di oncologia medica, Carmine Pinto. “Veronesi è stato tra i padri fondatori dell’oncologia del nostro paese – sottolinea Pinto – con un impegno continuo per lo sviluppo della ricerca di base e clinica, per l’umanizzazione delle cure in oncologia e, in particolare, per lo sviluppo della chirurgia e delle terapie conservative del carcinoma della mammella”. Per il cancro alla mammella, prosegue il presidente Aiom, “è stato uno dei propulsori e innovatori riconosciuti a livello internazionale”. “Ne ricordiamo anche – conclude Pinto – l’impegno come ministro della Sanità, con un’importante azione intrapresa per razionalizzare le cure, in particolare quelle oncologiche, nel nostro Paese”.

Autore di molti libri, ne ricordiamo qui qualcuno: “Una carezza per guarire. La nuova medicina tra scienza e coscienza” (2005), “Il diritto di morire. La libertà del laico di fronte alla sofferenza” (2005), “Essere laico” (2007), “L’ombra e la luce. La mia lotta contro il male” (2008), “Dell’amore e del dolore delle donne” (2010), “Scienza e pace” (2011), “Verso la scelta vegetariana. Il tumore si previene anche a tavola” (2011), “Il primo giorno senza cancro” (2012), “Il mio mondo è donna” (2015).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.