RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Movida violenta: Campo dè Fiori, San Lorenzo, Testaccio, Trastevere e Pigneto i quartieri invivibili

Più informazioni su

Il turista inglese nudo a campo di fiori preso poi a botte

Risse tra ragazzi ubriachi, accoltellamenti tra «rivali» in amore, «branchi» che ne approfittano per rapinare turisti. Anche se gli episodi di violenza riguardano una minoranza delle migliaia di giovani, e non, che affollano nelle sere d’estate i tanti locali romani, fanno però notizia. A Roma sono molti i luoghi della movida, in primis Campo dè Fiori, spessissimo al centro di polemiche per atti di vandalismo, aggressioni e soprattutto le continue liti e lamentele dei residenti per il chiasso che persiste fino alle prime luce dell’alba, e ritrovo di turisti, soprattutto americani ed inglesi che non disdegnano di trascorrere la notte ubriacandosi. Altre zone scelte dai più giovani sono il quartiere San Lorenzo, vicino alla prima università, i quartieri Testaccio, Trastevere e Pigneto, dove sono centinaia i pub, i ristoranti ed i bar, dove spesso si svolgono concerti dal vivo, e il rione Monti, nel cuore del centro storico. D’estate la movida si estende anche ad Ostia, litorale della capitale, dove impazzano le feste in spiaggia e non sono rare le contrapposizioni tra giovani e buttafuori che spesso finiscono in pesanti risse. Nonostante le ordinanze anti-alcol del sindaco Alemanno e i massicci controlli delle forze dell’ordine contro lo spaccio di stupefacenti, spesso gli episodi di cronaca sono legati ad evidenti stati di alterazione, per lo più alcolici. L’ultimo eclatante episodio, è del marzo scorso, quando Daniel, inglese di 21 anni, immortalato su Youtube si vede in piazza Campo dè Fiori nudo e barcollante con la folla che lo sta a guardare. E poi, per il lancio di un jeans, arrivano le botte e i calci: tre teppisti si scagliano contro Daniel che finisce a terra, pestato. Solo dopo alcuni minuti qualcuno finalmente interviene. Sempre nei pressi di Campo dè Fiori a marzo del 2010, uno studente americano di 19 anni venne accoltellato più volte al torace. Raccontò di essere stato derubato del portafogli da un gruppo di sei-sette sudamericani, dopo che gli avevano offerto droga e ragazze. Pochi giorni prima sempre a Campo dei fiori, a causa dei fumi dell’alcol, ci fu una furibonda lite davanti ad un pub che finì con l’arresto di due americani. A Monti l’ultimo episodio eclatante avvenne nell’agosto del 2009, quando furono feriti due residenti, di 47 e 48 anni, vicini di casa, picchiati ed accoltellati perchè decisero di scendere in strada per difendere in piazza degli Zingari un giovane aggredito da un gruppo di sudamericani. La convivenza tra gli amanti della notte e residenti è difficile, e non è raro che si risolva anche con innocue, seppur fastidiose, secchiate d’acqua, lanciate da cittadini esasperati dal rumore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.