Ponte Milvio, megastore Trony: oltre due milioni e mezzo di euro spesi. Alemanno: “Richiesta di risarcimento danni nei confronti della città di Roma”

Più informazioni su

    Oltre due milioni e mezzo di euro spesi in una corsa all’Iphone, televisori e notebook. La spesa media di ogni cliente approdato al megastore Trony aperto oggi a Roma è stata invece di circa 270 euro. La stima per oggi delle persone arrivate nel punto vendita è di 25mila clienti. Le cifre sono state riferite dall’ufficio vendite di Trony a Roma. I prodotti subito esauriti sono stati i cellulari I-Phone, e particolari modelli di televisori da 32 pollici, lavatrici e computer notebook (questi ultimi tre venduti sotto i cento euro), tutti in offerta sulla prima pagine del volantino distribuito oggi e nei giorni scorsi. Alle 16, il contatore dello ‘storè ha registrato circa 15mila persone, ma le casse chiuderanno solo intorno alle 21 e all’esterno ci sono ancora lunghe file.

    «Ho dato mandato al Comandante della Polizia di Roma Capitale di verificare tutte le eventuali violazioni amministrative che possono essere state compiute in questa circostanza, e all’Avvocatura capitolina di valutare la possibilità di una richiesta di risarcimento danni nei confronti della città di Roma». Lo afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno commentando i disagi dopo l’apertura di Trony a Ponte Milvio. «Ci attendiamo – ha detto – atti precisi di scuse e di risarcimento nei confronti di Roma Capitale».  «Quando una grande catena commerciale arriva su un territorio dovrebbe avere l’accortezza di utilizzare tutte le cautele per ridurre al minimo i disagi dei cittadini – ha spiegato Alemanno -. La compagnia Trony, che sicuramente rappresenta una delle più competitive e qualificate catene di distribuzione operanti in Italia, ha lanciato una vendita promozionale di straordinaria portata senza mettere l’Amministrazione in condizioni di valutare l’impatto che questa avrebbe avuto sulla cittadinanza. Nessuna comunicazione ufficiale di questa promozione è stata fatta nè al Campidoglio nè al XX Municipio, limitandosi ad annunciare l’apertura del negozio e a chiedere spazi aggiuntivi per parcheggi che gli sono stati puntualmente concessi dal XX Municipio». «Soltanto nel corso della mattinata – conclude il primo cittadino -, verificato l’incredibile afflusso di cittadini, si è stati in condizioni di dispiegare sul campo ben 250 unità della Polizia Municipale. Questo è un atteggiamento poco rispettoso della nostra città e della nostra Amministrazione che non può certo desumere l’impatto di un evento del genere inseguendo le affissioni pubblicitarie».

    Più informazioni su