RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

RIFORMA ISTITUZIONI | ITALIANI PER L’ELEZIONE DIRETTA DEL CAPO DELLO STATO

Più informazioni su

Non è stato un sondaggio vero e proprio, ma una richiesta del ministero per le riforme ai cittadini italiani di dare un parere su come modificare la costituzione. Per la maggioranza dei partecipanti, occorre passare all’elezione diretta del capo dello stato.  A rispondere sono stati 203 mila cittadini. Così riferisce Dino Martirano sul Corriere della sera: “Un parere dal basso sulle riforme costituzionali? Hanno risposto in 203 mila spendendo, complessivamente, 4 milioni di minuti per scrivere online cosa pensano da cittadini sulla forma di governo, sul bicameralismo: 66% gli uomini, 34% le donne, tutti distribuiti equamente negli scaglioni di una fascia di età compresa tra i 18 e i 68 anni. Molti gli impiegati ma anche i funzionari e i pensionati, mentre hanno partecipato pochi liberi professionisti (solo l`8%).

Il questionario web lanciato dal ministero per le Riforme – scrive Martirano – ha dato dunque alcune indicazioni sulla forma di governo: parlamentarismo o presidenzialismo? Il 39% è favorevole all`elezione diretta del presidente della Repubblica, il 29% è per il premierato forte mentre il 26% non toccherebbe la Costituzione.

Ma il dato più netto riguarda il bicameralismo perfetto: il 40% vorrebbe differenziare sia le funzioni sia la composizione di Camera e Senato. In ogni caso il numero dei parlamentari deve diminuire: e questo punto viene indicato come «priorità massima» dal 44%, ben oltre la quota di cittadini (25%) che dà «priorità massima» al taglio dei benefici e delle indennità dei politici.

Più informazioni su