RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

SVIZZERA | ULTIMATUM A CHI HA CONTI BANCARI ANONIMI

Più informazioni su

Il segreto bancario è ormai solo un ricordo in Svizzera, chi vuol riciclare denaro sporco o sfuggire al fisco del proprio paese, ha un paradiso fiscale in meno dove trovare rifugio. Nella battaglia contro l`evasione, scrive oggi il Corriere della sera, chi porta i capitali all`estero, in Svizzera o in altri paradisi fiscali, è ormai accerchiato. Lo sanno bene i connazionali che hanno i conti in una banca di Lugano o Zurigo (la stima è di depositi per 12o-18o miliardi di euro): in questi giorni i correntisti italiani vengono contattati dagli istituti di credito elvetici che preannunciano l`arrivo di una lettera in cui sarà sottoposta loro la scelta di chiudere il conto o di uscire dall`anonimato.

Il modo di contattare i clienti – aggiunge il Corriere – può cambiare da banca a banca e anche in relazione al Paese di residenza del correntista. Infatti la Svizzera ha già chiuso un accordo fiscale con la Gran Bretagna e un altro con l`Austria. Mentre è in trattativa con gli Stati Uniti: secondo le stime ammonterebbero a circa 200 miliardi di dollari i conti intestati a cittadini americani che sfuggono al fisco Usa. Washington vuole i nomi e sta minacciando le banche svizzere di sanzioni in caso di mancata collaborazione.

Ma sul piede di guerra è anche la Germania, così come la Francia o l`Italia. E’ cambiato il clima internazionale nei confronti dei paradisi fiscali, l`Ocse sta portando avanti una lotta serrata all`evasione: il segreto bancario è destinato a morire. La lotta al terrorismo e la necessità di seguire il denaro nei suoi movimenti da un lato, la crisi mondiale che ha spinto i Paesi a rivedere le proprie politiche di lotta all`evasione dall`altro, hanno portato a una forte pressione su tutti quei Paesi in cui è in vigore il segreto bancario.

In Svizzera ha cominciato a venire meno da tempo, ma solo nel caso di attività criminali, come appunto terrorismo, crimine organizzato o riciclaggio di denaro. Ora siamo a una svolta perché, su pressione del Gruppo d`azione finanziaria internazionale e del G20, Berna è stata obbligata a elaborare una proposta di legge che introdurrà i reati fiscali qualificati come reati presupposto del reato di riciclaggio.

Più informazioni su