Tor Pignattara, ancora paura tra gli abitanti del quartiere. Anche oggi tanti fiori e bigliettini. Foto

Più informazioni su

    È ancora sconvolto il quartiere di Torpignattara a due giorni dalla rapina in cui sono stati uccisi un cittadino cinese e la sua bambina di 9 mesi. In via Giovannoli, davanti al portone, da ieri sera si sono accumulati tantissimi mazzi di fiori, lumini e bigliettini. Tanti abitanti del quartiere, soprattutto stranieri, sostano davanti alla casa delle vittime rivolgendo una preghiera per loro. «Sono sicuro che da lassù quell’angioletto darà la forza a tutti di superare questo atroce dolore», recita un bigliettino lasciato davanti al bar gestito dalla famiglia cinese che fa angolo con via Casilina. «Con tanto dolore per Joy e per il suo papà», si legge su un altro allegato ad un mazzo di fiori. Luisa, originaria di Bucarest, è una delle mamme arrivate questo pomeriggio in via Giovannoli sotto casa della famiglia distrutta dal duplice omicidio. «Da quando è successo questo fatto terribile – dice portando il suo bambino con il passeggino – mi sento in pericolo perchè anche io ho un figlio di un anno. Abito vicino via della Marranella, non lontano da qui, credo che questo quartiere non sia sicuro. Già qualche mese fa, dalla finestra di casa mia avevo sentito una donna cinese urlare dopo uno scippo, ed era solo mezzogiorno. Spero che qualcosa cambi». (Foto Daniele Senatore/Macro-Lab)

    [nggallery id=92]

    Più informazioni su