RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

UE | PRONTO IL DECRETO, ITALIANI POTRANNO CURARSI ALL’ESTERO, A SPESE DELL’ITALIA

Più informazioni su

Franco Bechis su Libero avverte: allarme per i conti del servizio sanitario nazionale, gli italiani potranno curarsi all’estero mandando il conto all’Italia. “La bozza di decreto legislativo – scrive Bechis – è ormai pronta. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin sta finalmente per accogliere nell`ordinamento italiano una direttiva europea, la 2011 /24/UE, destinata a rivoluzionare il rapporto fra gli italiani e la loro salute. Con più di un rischio sui conti del sistema sanitario nazionale, che potrebbe subire secondo la stessa Lorenzin «un impatto economico di proporzioni devastanti».

La novità – che entrerà in vigore entro il prossimo 4 dicembre – sarà quella di potersi curare nelle migliori strutture della Ue alle stesse condizioni economiche e assicurative esistenti in Italia. Il decreto legislativo porrà tutti i paletti possibili per frenare un possibile massiccio “turismo sanitario” al di fuori dei confini nazionali, ma la liberalizzazione delle cure è ormai realtà. I paletti si capiranno meglio nei prossimi giorni.

In ogni caso – aggiunge Bechis – fra poche settimane chiunque per curarsi trovi di fronte a sé lunghissime liste di attesa, servizi inesistenti o scadenti, potrà scegliere di farlo a spese del servizio sanitario italiano in Francia, in Gran Bretagna, in Germania, in Olanda o nei paesi nordici. Il decreto in preparazione e le successive norme applicative disciplineranno sia i casi in cui sarà necessaria l`autorizzazione preventiva della Asl di appartenenza (ad esempio per i ricoveri di più giorni all`estero, mentre visite, esami e day hospital non ne avranno bisogno), sia tutte le prestazioni che in ogni Stato estero verranno rimborsate dal servizio sanitario italiano al paziente successivamente (con possibili anticipi cassa) o direttamente a chi gestisce il servizio sanitario estero. Questo dipenderà anche dagli accordi di reciprocità fra l`Italia e gli altri paesi Ue.

Più informazioni su