RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Virginia Raggi indagata dalla Procura di Roma

Più informazioni su

“Sono serena”, dice Virginia Raggi sindaca di Roma da ieri indagata dalla Procura della Capitale per la vicenda della nomina del fratello di Raffaele Marra. E’ stata proprio la sindaca da Facebook ad annunciare quello che da tempo sembrava inevitabile, tanto da avere dettato un svolta garantista al codice M5S: Raggi è indagata per abuso d’ufficio e falso in atto pubblico in relazione alla nomina di Renato Marra, fratello di Raffaele, a capo dipartimento del Turismo del Comune.

“La nomina come è noto, è già stata revocata – ricorda Raggi nel post -. Ho informato Beppe Grillo e adempiuto al dovere di informazione previsto dal Codice di comportamento del MoVimento 5 Stelle. Ho avvisato i consiglieri di maggioranza e i membri della giunta e, nella massima trasparenza che contraddistingue l’operato del M5S, ora avviso tutti i cittadini. Sono molto serena, ho completa fiducia nella magistratura, come sempre. Siamo pronti a dare ogni chiarimento”.

I pm di piazzale Clodio l’hanno convocata per l’interrogatorio che è stato fissato per il 30 gennaio. Lì spiegherà ai magistrati la sua versione dei fatti, ovvero che le carte firmate per la nomina di Renato Marra sarebbero giunte sulla sua scrivania dopo aver seguito l’iter previsto dalla legge, con l’incartamento che sarebbe stato visto dagli uffici del Campidoglio.

L’iscrizione nel registro degli indagati di Raggi e’ avvenuta dopo Natale in base alla relazione dell’Anac sulla nomina di Renato Marra inviata in Procura il 21 dicembre. Risulta indagato anche Raffaele Marra, ex capo del dipartimento personale, accusato di concorso in abuso d’ufficio.

L’ex braccio destro del sindaco è dal dicembre scorso in carcere per una vicenda di corruzione che coinvolge anche l’immobiliarista Scarpellini. Le accuse della Procura a Raggi sono chiare. Le viene contestato il reato di falso in quanto avrebbe detto al responsabile anticorruzione del Comune, Mariarosa Turchi, che per la nomina di Marra avrebbe agito in autonomia.

Virginia Raggi

Virginia Raggi

Circostanza, secondo l’accusa, smentita dal contenuto di alcune chat (l’ormai famoso gruppo “Quattro amici al bar”) tra la sindaca e Marra in cui lei stessa chiede all’ex dirigente l’ammontare dello stipendio del fratello e si lamenta poi dell’aumento corrispostogli. Rispetto all’abuso d’ufficio il sindaco, secondo l’impianto accusatorio, non avrebbe fatto una comparazione dei curricula e non avrebbe impedito a Raffaele Marra, in evidente conflitto di interessi in quanto capo del personale, di partecipare alle procedure di nomina del fratello.

Alessandro Di Battista commenta quanto accaduto: “Raggi ha sbagliato ma ha subito revocato la nomina di Marra” – Dopo l’avviso di garanzia arrivato al sindaco di Roma, Virginia Raggi, . “Raggi ha ammesso di essersi fidata della persona sbagliata. Sui dirigenti uno su quattro è indagato. Ha sbagliato probabilmente a mettere una firma” ha detto parlando della nomina da parte del sindaco di Renato Marra come capo del dipartimento Turismo. “Ma è anche vero che questa nomina è stata subito revocata” ha aggiunto.

 

Più informazioni su