Quantcast

Ultime Notizie Roma del 10-01-2021 ore 16:10

Più informazioni su


    romadailynews radiogiornale Buona domenica dalla redazione da Francesco Vitale in studio Rosato presidente di Italia Viva Radio Popolare attacca è il Presidente del Consiglio staccare la spina del governo non noi per questo ci ha detto che ci vedremo in aula guidando ci va bene dice utilizzeremo la dialettica i nostri numeri per chi ha ragione rispetto a ritardi di questo governo Renzi ai parlamentari Italia viva avrebbe spiegato che senza risposte non abbiamo la cresima lasciamo le poltrone in un documento di 30 punti inviato al Goffredo Bettino e 6 gennaio Italia viva ha presentato le sue proposte che vanno dal messo ad autostrade dal fisco al ponte sullo stretto dalle riforme alle prossime comunali e il faraone chiede con urgenza il nuovo provvedimento per Il ristoro e non c’ha Italia non farà mancare come sempre il proprio voto oggi in tutte le Aziende Sanitarie fioriscono le dosi di vaccini Consegnata la campagna lo annuncia De Luca e quale fa sapere che questa sera le aziende si fermano per mancanza di vaccini a tee questo l’esito di una distribuzione fatta in modo sperequato nei giorni scorsi sollecitando rinvio di nuovo e forniture e personale aggiuntivo De Luca lo ha segnalato il commissario Arcuri Martedì dovrebbero arrivare nuove forme e dopo l’abbassamento della soglia delle reti il governo pensa a un’ulteriore stretta se l’incidenza settimanale le case superiore 250 ogni 100mila abitanti scatterà in automatico la zona rossa domani vertice tra governo e regioni sul prossimo dpcm in vigore dal 16 confermato il divieto di spostamento tra le regioni comprese quelle in zona gialla coprifuoco alle 22 Non è escluso che ci sia anche la proroga dello stato di emergenza ieri altri 483 i decessi senza la scuola non c’è crescita lamentano le disuguaglianze si blocca l’ascensore sociale a pagare sono sempre i più deboli lo sottolinea Lucia Azzolina che intervistata dal Corriere della Sera spiega ho fatto tutto quello che potevo ma molte regioni si sono sfilate e chiede che le si dica perché dove è quasi tutto aperto gli studenti al pomeriggio possono andare a prendere la xmentre non possono andare in classe con la mascherina l’igienizzante i banchi separati il punto e culturale non sanitario ha detto Azzolina sul tema scuola Abbiamo ascoltato Marcello Pacifico presidente del sindacato ANIEF in questo momento di crisi di governo si sente proprio l’esigenza di avere invece un governo che riesca a parlare con le regioni non è possibile arrivare in conferenza stato-regioni e prendere una Coca e poi successivamente vedere ogni regione che procede per le sue gambe per l’apertura delle scuole Noi l’abbiamo sempre detto a livello nazionale era ed è necessario avere una cabina di regia unica perché il virus Non guardi i colori delle regioni ma il virus Non guardare anche gli ordini credi che abbiamo riaperto e stiamo riaprendo da lunedì tutte le scuole dell’infanzia e primaria e pure il 60% dei montaggi su 200 mila alunni nel periodo settembre dicembre ci dice cheSofia della sanità Ha riguardato proprio il primo ex ciclo d’istruzione della scuola dell’infanzia Rina da scuola media 30 e ora le superiori cominceranno ad aprire alcune solo poker 23 lunedì prossimo gli altri nelle tre settimane consecutive come anni fa invece l’hanno detto che era necessario per uno screening lo riteniamo ancora oggi è molto importante prima di riaprire scuole fare uno scudo per tutto il personale docente amministrativo e soprattutto per gli studenti ma non perché le scuole sono insicure ma per sapere quali sono proprio le strategie e gli strumenti per aprire le scuole in sicurezza e subito dopo gli continuo a dire che sia necessario fin da ora in maniera volontaria consentire comunque completa al personale che insegna nelle nostre scuole di vaccinarsi perché dopo il personale sanità quelli impegnati in presenza nei confronti degli studenti e del pubblico e quindi con un apertura al pubblico in zone che è difficile mantenere costantemente succede nulladi sicurezza Noi abbiamo fatto di tutto come sindacato per cercare di riaprire la scuola con i protocolli sulla sicurezza ma anche per prima abbiamo firmato pure in 24 ore il contratto per attività didattica a distanza dopo le modifiche che Ministero ha portato grazie ai nostri la nostra delegazione a quello che aveva chiesto Eppure ancora oggi Diciamo bisogna aprire le scuole didattica in presenza importante ma soltanto dopo la salute la garanzia della salute di tutti degli studenti e del personale tutto buon proseguimento di ascolto
    In collaborazione con Agenzia Italia Stampa

    Più informazioni su