RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Battista contro l’inquisizione di chi non tollera il pensiero diverso

Più informazioni su

Pierluigi Battista sul Corriere della sera di oggi spiega, o almeno ci prova, “perché non tolleriamo il pensiero diverso”. Ovviamente lui il pensiero diverso lo tollera, chi non lo tollera è la mala onda del pensiero dominante, l’inquisizione su base volontaria che cerca di impedire, e spesso ci riesce, di parlare, di scrivere, di esprimere un’opinione a chi non si allinea al politicamente corretto, al pensiero di moda, al pensiero omologato, omogeneizzato da chi controllo i mezzi di comunicazione di massa.

Battista se la prende con chi protesta per l’elezione all’Accademia di Francia del filosofo Alain Finkielkraut. Una protesta che per Battista è “un’ennesima manifestazione di insofferenza per un pensiero diverso, meno corrivo, meno propenso ad adagiarsi alle prescrizioni di chi si considera l’unico monopolista autorizzato del Bene.

“Come non è così scontato – aggiunge Battista – che a una vittima del fanatismo fondamentalista come Ayaan Hirsi Ali vengano sbarrate le porte dell’università di Boston, dove un sinedrio di insigni professori, paladini del politicamente corretto, si sono piegati al diktat degli estremisti che non volevano contaminare le aule accademiche con la ventata di libertà culturale che la Hirsi Ali avrebbe trascinato con sé.

“Come non è così nell’ordine naturale delle cose – prosegue Battista – che Brendan Eich, manager di Mozilla Firefox, nell’avanzata e libertaria Silicon Valley, sia stato costretto a lasciare il suo importante posto di lavoro per aver offerto un contributo finanziario personale al referendum californiano contro l’istituzione dei matrimoni gay. Non è normale che, ispirato dalle buone intenzioni e al servizio di una Causa buona e giusta, si stia addensando una nuova intolleranza dal sapore maccartista verso chi è sospettato di sostenere opinioni contrarie all’ondata maggioritaria”.

Se ne volete sapere di più, leggetevi l’articolo completo sul Corriere.

Più informazioni su