Quantcast

Corriere della Sera – Cronaca di Roma. «Tbc al Gemelli, ok i test della Asl»

Più informazioni su

    Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso del Codacons sul caso della Tbc fra i neonati del Gemelli. La Asl – hanno riconosciuto i giudici – ha operato correttamente nella gestione della situazione e dei controlli per individuare i bebè positivi al batterio. Operazioni che «l`amministrazione – scrivono i magistrati – ha in gran parte eseguito e, per la residua parte, ha dimostrato di voler eseguire correttamente». Fermo restando, aggiungono i giudici, «che qualora dovesse essere confermata, anche ai successivi test, la positività di qualcuno dei bambini ancora non negativi al Quantiferon, l`amministrazione dovrebbe procedere ad ulteriori test sui bambini nati nei 3 mesi precedenti. Il Consiglio di Stato – ha sottolineato il Codacons – ha dunque chiarito il principio secondo cui, in caso di positività ai test sulla Tbc, i controlli sui bambini devono andare indietro di 3 mesi. «Ciò significa che la retrodatazione dei test va obbligatoriamente eseguita in caso di positività e non di infezione conclamata». ……..

    Più informazioni su