RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

FISCO | WEB TAX, TASSA GIUSTA, FARLA PAGARE PIU’ COMPLICATO

Più informazioni su

Far pagare le tasse a chi vende in Italia dalla sua sede estera è giusto, ma è piuttosto complicato incassare il dovuto, se chi vende lo fa attraverso il web. Francesco Boccia, deputato del Pd, presidente della commissione bilancio, ha presentato una proposta di legge per istituire quella che ormai viene chiamata web tax o tassa Google e, per fare prima, ha convinto un collega, il senatore Francesco Russo, a presentarla sotto forma di emendamento alla legge di Stabilità, indiscussione a Palazzo Madama.

«Da quando ho presentato la proposta di legge – commenta Boccia secondo quanto riferisce il Giornale – mi sono già preso un articolone su Forbes, dal titolo: Ecco l`uomo che vuole tassare il web. Ma non mi meraviglio. Se non mi sbaglio – aggiunge – la capitalizzazione di Borsa della Google è quasi pari a quella della Borsa italiana».

Il meccanismo pensato da Boccia – secondo il Giornale – è relativamente facile nell`elaborazione; quasi impossibile – al momento – nella pratica. Il ragionamento dell`unico articolo di legge è lineare. Chiunque vende prodotti online deve avere una partita Iva italiana. Un principio che vale per gli spazi pubblicitari offerti dai motori di ricerca (da qui il nomignolo «tassa Google»), ma che si estende anche agli inserzionisti.

Alla base delle considerazioni di Boccia, una constatazione: «I proventi dell`economia digitale escono dall`Italia e non tornano». E per essere più esplicito cita alcuni casi. «Il più eclatante di tutti è il poker online. Stiamo parlando di un giro d`affari da un miliardo di euro al mese che esce dall`Italia e che viaggia su piattaforme tecnologiche estere. E, quindi, non rientra nel Paese sottoforma di tasse».

Un altro caso è Amazon. La sua sede europea – ricorda il presidente della commissione Bilancio di Montecitorio – è in Lussemburgo. «Lì correttamente paga l`Iva. Con un particolare. L`Iva in Lussemburgo è al 15%. In Italia, un`azienda che offre gli stessi servizi di Amazon paga un`Iva al 22%».

Più informazioni su