RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Il Messaggero – Cronaca di Ostia. Hinterland, il boom di 5 città nel 2020

Più informazioni su

Fiumicino, Guidonia, Ardea, Pomezia e Anzio tra meno di dieci anni saranno le città-satellite di Roma, quelle che da qui al 2020 si attesteranno come leader nella crescita demografica prevista per l’intera area metropolitana. Con una caratteristica precisa: il rafforzamento della funzione residenziale di questi comuni che si affacciano sulla linea del raccordo. Puntano dritto «fuori porta» le «dinamiche demografiche» emerse da uno studio elaborato da Cresme Ricerche Spa per conto dalla Confederazione nazionale artigianato (Cna) e con il contributo della Camera di commercio di Roma. In questo scenario Fiumicino allungherebbe l’anagrafe di 23.627 unità raggiungendo quota 94.600 con un più 33%; segue Guidonia trainata a 104mila da 20mila nuovi abitanti per una variazione del 24 per cento; quindi Ardea, Pomezia e Anzio che cresceranno del 42, 29 e 27 per cento: arriveranno, rispettivamente, a 61mila, 79mila e 70mila residenti.
Ma nella «top ten» ci sono anche i comuni che, in previsione, faranno dei passi da gigante in termini di incrementi relativi: primo fra tutti Fiano Romano che potrebbe addirittura toccare il 50% in più di popolazione: da 14mila del 2010 a 21mila del 2020, segno di un «consistente rafforzamento della sua centralità economica». Così Capena, Labico e Marcellina: +49,9% (da 10mila a 15mila), +46,3 (da 6mila a 8.750), +43,1 (da 7.200 a 10.200). Numeri da quasi raddoppio, nel suo piccolo, anche per Percile: da 238 a 346 abitanti per un +45,4%. Una proiezione che quindi confermerebbe il trend che ha visto la popolazione della provincia nell’ultimo decennio aumentare di 500mila unità. Con un +13,3% si è attestata nel 2010 a 4.194.068 abitanti, mentre a Roma la crescita demografica nello stesso periodo è risultata dell’8,4% (215mila unità). Dati che parlano chiaro: la popolazione dei comuni di prima cintura è passata da quota 578mila a 730mila del 2010, un incremento del 26% in nove anni, mentre in seconda cintura da 243mila a 315mila (+30%). Ma l’espansione urbana ha investito anche la terza fascia: da 232mila a 278mila. Molto più modesti gli effetti nei centri più interni, dove si è passati da 104mila a 109mila abitanti.
Andamento negativo, invece, per i borghi della prima fascia montana (Vallepietra, Jenne, Vivaro Romano)…….. (di ELENA CERAVOLO)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.