RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Il Messaggero Cronaca di Roma, Domani l’apertura della tomba di De Pedis a Sant’Apollinare

Più informazioni su

Dopo così tanti anni all’inseguimento della verità sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, uno degli elementi che più ha fatto discutere nella vicenda della giovane figlia del commesso pontificio scomparsa il 22 giugno dell’83, sta per arrivare a soluzione. Forse già domani, infatti, potrebbe essere aperta la tomba di Enrico De Pedis, il boss della Banda della Magliana, sepolto nella chiesa di Sant’Apollinare. Fino a ieri sera il rettore della Basilica, don Pedro Huidobro, non aveva ancora ricevuto alcun avviso, «ma me l’aspetto da un momento all’altro», ha confermato. Le date possibili sono tra domani e dopodomani. Proprio in quei giorni la tomba di Renatino verrà aperta, analizzata e ispezionata, alla ricerca di chissà quale verità. Successivamente la famiglia del boss dovrebbe trasferire quello che rimane della salma a Prima Porta, anche se il passaggio non avverrà contestualmente all’apertura.
Il collegamento tra la gang che ha tenuto in scacco la Capitale per vent’anni, arriva dopo una lunga indagine della magistratura. Sono le dichiarazioni di Sabrina Minardi, quella che nell’83 (anno in cui Emanuela è scomparsa), era l’amante del boss. Prima di lei, però, a insinuare i sospetti di un possibile legame, era stata una telefonata arrivata alla trasmissione «Chi l’ha visto?», nel settembre del 2005. La voce di un uomo, dall’altro capo del filo, suggeriva di andare a vedere cosa c’era nella tomba di Renatino. «Andate – diceva – se volete conoscere la verità». Le successive dichiarazioni della Minardi accreditarono l’organizzazione criminale come esecutrice del sequestro. … (CRISTIANA MANGANI)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.