RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Il Messaggero – Cronaca di Roma Il popolo delle due ruote ai Fori per la sicurezza

Più informazioni su

«Muoversi in bicicletta, ti cambia la vita». Lo dicono studenti che la prendono «per arrivare prima all’università», casalinghe che ritornano a casa con la spesa nel cestino, anziani che pedalando, senza fretta, ammettono di aver «riscoperto» profumi, scorci e atmosfere tipiche dell’Urbe. Chiedono di «ripensare la mobilità» nei centri urbani e per questo saranno oggi a Roma alla manifestazione nazionale promossa dal movimento #Salvaiciclisti.

«Veni, vidi, bici», è questo il motto della bicifestazione che dalle 15 in poi radunerà il popolo delle ruote a pedale ai Fori Imperiali. Ci sarà anche un flash mob per ricordare la strage dei ciclisti sulle strade (231 solo a Roma e in provincia, nel 2011), una vera e propria emergenza. «Ci siamo stancati di morire, per strada non ci sono più regole», attacca uno dei promotori dell’iniziativa, Paolo Bellino, che parte dai dati secondo cui la maggior parte degli spostamenti avviene nel raggio di dieci chilometri per approdare alla convinzione che la bicicletta sia «il modo giusto per muoversi», soprattutto, in tempo di crisi e con i prezzi della benzina alle stelle. Roma, città a misura di bici? «Ha tutto per diventare come Copenaghen, in cui il 55 per cento degli spostamenti avviene sulle due ruote». Ma non è una città piena di saliscendi? «A parte che i sette colli sono spariti da molti secoli, le pendenze non sono quelle di San Francisco, insomma, è perfetta». E le piste ciclabili? «Sono progettate per le passeggiate e scontano i problemi legati all’illuminazione insufficiente e alla scarsa manutenzione». Non solo buche, rami, cocci di bottiglie, pezzi di ferro. Si trova di tutto, basta farsi un giro per scoprire mancanza di collegamenti e ricuciture, interruzioni continue. A Ponte Milvio, la pista ciclabile finisce per interrompersi davanti a una sbarra. Maggiore attenzione alla segnaletica, e alla sicurezza, viene chiesta per la dorsale del Tevere. Mentre si aspetta la realizzazione di un percorso ciclabile lungo via Nomentana, in piazza Cavour – secondo quanto sottolinea Fausto Bonafaccia, presidente dell’associazione BiciRoma – l’allargamento del marciapiede e l’impianto semaforico farebbero da ostacolo al percorso ciclabile che finisce davanti al cinema Adriano. Intanto che si aspetta il collegamento fra via Cicerone e Castel Sant’Angelo, viene chiesto il ripristino del semaforo di via Rossini, prima di entrare in villa Borghese.
Situazioni da migliorare ce ne sono parecchie, «ma, soprattutto, bisogna dare sicurezza agli utenti», chiede Bonafaccia. Casco obbligatorio e giubbetto retroriflettente, consiglia Maurizio Felici, pensionato: «Il ciclismo è la mia grande passione. Ho fatto la Granfondo di Chianciano, categoria supergentleman, ho partecipato all’Eroica sulle strade bianche del Chianti e quando c’è la Maratona delle Dolomiti vado sempre su con tutta la famiglia». La bici è un piacere al quale non rinunciare anche in città. «La uso da 10 anni, adesso ho comprato quella a pedalata assistita. Non ti fa sudare, non inquina, è meglio di un motorino». Problemi? «La gente disattenta, i tanti, troppi rischi. A Roma le ciclabili sono più pericolose della strada. Mamme con le carrozzine, bambini che giocano, anziani a passeggio, chi va in bicicletta è costretto a fare lo slalom. Manca il rispetto delle regole. Sulla Cristoforo Colombo, fra l’ex Fiera di Roma e via Laurentina, le persone aspettano l’autobus in mezzo alla ciclabile». Camion in sosta lungo lo spazio dedicato ai ciclisti di via Cicerone e molte persone che camminano lungo la pista, fa notare Rossella Pretto, attrice, che usa questo mezzo perché non ha la patente e, leggera, sorride: «La bici è un’ amica: ci vado a fare la spesa, la prendo per fare una passeggiata o per andare a lavoro»….. “di FRANCESCO PERSILI)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.