RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Il Messaggero – Cronaca di Roma. Il rebus della discarica di Roma finisce al Consiglio dei ministri

Più informazioni su

Ancora una settimana per decidere, ma oggi Clini porterà il nodo della discarica di Roma al Consiglio dei ministri, parlandone con i colleghi di governo – vedi Beni culturali, ad esempio – che hanno posto dei vincoli ai siti per ora scelti dal commissario Pecoraro, vale a dire Corcolle e Riano (Quadro Alto).
Ieri il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, al termine del vertice con Alemanno, Zingaretti e Polverini sull’emergenza rifiuti, ha spiegato: «Ci siamo presi ancora tempo perché siamo abituati prima ad esaminare i dati poi a decidere. Non facciamo il contrario, non facciamo come chi prima decide e poi cerca i dati per dimostrare la bontà della sua scelta». Erano le 20, al termine di un vertice durato tre ore, Clini se ne è andato a bordo di una Bmw, dopo che tre ore prima era arrivato su una meno inquinante macchina elettrica. Il vertice sulle discariche si è svolto in Prefettura e anche questo è un segnale forte di quanto sia esplosiva la situazione: poiché sulla Colombo, sotto la sede del Ministero dell’Ambiente, dalla sera prima stavano protestando in 500 (no a Corcolle, no a Riano, no a Monti dell’Ortaccio, no a Malagrotta), in mattinata è stato deciso di cambiare la sede del vertice. Questo dimostra quanto sia delicata la scelta dei siti delle due nuove discariche e quanto siano alti i timori delle rivolte delle rivolte. Alla fine Polverini, Alemanno e Zingaretti se ne sono andati dicendo: parla solo il ministro. Clini, con il motore della Bmw già acceso, ha detto poco o nulla: «Stiamo lavorando sugli elementi tecnici che avevamo deciso di raccogliere quando ci siamo incontrati dieci giorni fa. Non ho preferenze sui siti. Abbiamo i dati tecnici preliminari che abbiamo raccolto in questa settimana: ci dobbiamo lavorare ancora sopra. Siamo fiduciosi che riusciremo a trovare una soluzione che consenta a Roma una gestione efficiente dei rifiuti. Ci scambiamo le informazione in tempo reale e quando saremo arrivati ad un punto di conclusione ci ritroveremo e concluderemo. Faremo in fretta». Fin qui l’ufficialità.
Bisogna allora provare ad entrare nel salone della Prefettura per capire cosa si sono detti nel corso del vertice ministro, prefetto, presidenti di Provincia e Regione, sindaco e tecnici. Clini conferma che dall’analisi svolta nelle riunioni tecniche sono ribaditi i vincoli (Ministero Beni culturali e Autorità di Bacino) su Corcolle e Quadro Alto………  (di MAURO EVANGELISTI)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.