RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Il Messaggero – Cronaca di Roma. Nel Lazio centri di procreazione senza autorizzazioni e controlli

Più informazioni su

«In queste ore firmerò un decreto per istituire una commissione di inchiesta, come già avvenuto per il caso tbc. Sarà composta da esperti esterni all’amministrazione regionale, sia del mondo accademico che sanitario e di assoluta e riconosciuta esperienza e competenza. Quanto è accaduto è grave, siamo vicini alle coppie che stanno vivendo un momento difficilissimo». Ieri il presidente della Regione, Renata Polverini, ha speso poche parole su quanto avvenuto al centro di procreazione assistita dell’San Filippo Neri, con la perdita di 94 embrioni e la disperazione di una quarantina di coppie che, in gran parte, speravano grazie a quelle cellule conservate a meno 196 gradi, di potere avere un figlio. Polverini ha aggiunto: «Faremo tutto ciò che è in nostra competenza per accertare le responsabilità». Ma il caso del centro di procreazione del San Filippo Neri fa scoprire un dato preoccupante: il Lazio è l’unica regione in Italia a non avere centri di procreazione assistita autorizzati. E questo rende più complessi i controlli.
Di fatto, il Centro nazionale trapianti che, in applicazione delle direttive europee e delle leggi nazionali ha cominciato controlli di routine in altre regioni, a Roma non può intervenire. Ignazio Marino, Pd, ieri ha attaccato: «La Regione Lazio si è rivelata gravemente inadempiente nei confronti dei centri, sia pubblici che privati, di procreazione assistita. Basta andare sul sito dell‘Istituto Superiore di Sanità per accertare che nessuno dei centri regionali è mai stato sottoposto a verifiche, nè tanto meno alla valutazione iniziale indispensabile per l’accreditamento dell’attività di fecondazione in vitro».
Ieri dall’assessorato regionale alla Sanità (fa capo direttamente a Renata Polverini, che è commissario alla Sanità) hanno spiegato, rispondendo anche alle osservazioni dell’Associazione Luca Coscioni (ma anche del professor Severino Antinori): «Soltanto su indicazione del presidente Polverini l’assessorato regionale alla Salute sta lavorando da oltre un anno con l’Istituto superiore di sanità e con il Centro nazionale trapianti per mettere ordine e confermare le autorizzazioni ai centri di procreazione medica assistita della Regione Lazio che prima del nostro arrivo erano completamente ignorati». …………. (di MAURO EVANGELISTI)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.