RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Il Messaggero Cronaca di Roma. Scritta fascista sul bus il Comune: un fatto grave

Più informazioni su

Manifesti, striscioni, scontri tra giovani di opposte fazioni. E il 25 aprile su via Appia Nuova, sul display di un benzinaio compaia la scritta «Duce a noi» e «Duce duce» al posto del carburante. Ieri un dipendente dell’Atac ha pensato bene di lanciare sul display dell’autobus nella rimessa il messaggio «Onore al Duce». «E’ l’ennesimo risultato della parentopoli ideologica che ha caratterizzato le aziende – commenta il segretario del Pd di Roma Marco Miccoli – gli assunti sono stati reclutati negli ambienti dell’estrema destra romana: tra loro ormai c’è un senso di impunità, in Atac come in tutta la città». Miccoli ricorda i manifesti che inneggiano alla Repubblica di Salò, gli striscioni di Lotta studentesca, le contestazioni all’ex partigiano Mario Bottazzi, alla vigilia della festa della Liberazione da parte di alcuni studenti di estrema destra. Annullata in extremis (in programma il 4 maggio) dal sindaco la presentazione di un’edizione del libro di Nietsche «Così parlò Zarathustra» dell’ex terrorista Francesco Freda, pluricondannato per varie stragi.
L’onore al Duce, stavolta è comparso sul display di un mezzo pubblico, la foto diffusa da un blog, è stata segnalata ad Atac che su Twitter annuncia un’indagine in corso per individuare il responsabile della provocazione. «Ci stiamo lavorando» ripetono mentre l’assessore alla Mobilità Antonello Aurigemma, condanna «il gesto grave che non rappresenta la città di Roma e non lede solo l’immagine dell’Azienda di trasporto pubblico ma l’intera città». Aurigemma chiede di accertare le modalità dell’accaduto in modo da applicare provvedimenti disciplinari. L’opposizione punta l’indice sul «clima d’impunità» che respirano in città quanti ancora simpatizzano per l’ideologia fascista. E sui tanti esponenti dell’estremismo riciclati nelle municipalizzate, da Stefano Andrini a Francesco Bianco». Teste rasate, saluti romani, si rivedono orgoglioso. «Un clima creato dal 2008, qualcosa è successo in questa città – ancora Miccoli – anche solo dal punto di vista del degrado culturale. Ed è umiliante per Roma quello che è successo nella rimessa di Acilia, non dovrebbe essere complicato per Atac scoprire chi è stato».
«Una squallida vicenda – per Massimiliano Valeriani, consigliere comunale – conseguenza si quattro anni di governo di un’amministrazione che non ha mai negato il suo passato, ma soprattutto ha con atti e fatti coccolato questa cultura di destra». CasaPound anche – oltre a Parentopoli – è nel mirino dei nemici di Alemanno: sotto accusa la protezione di cui godrebbe, «il Comune ha acquistato e assegnato all’associazione di estrema destra lo stabile che occupa in via Napoleone III, stanziando in bilancio 11 milioni di euro». L’allerta contro il rigurgito fascista, ha caratterizzato anche la recente festa del 25 aprile. …. di RAFFAELLA TROILI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.