RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Il Messaggero Cronaca di Roma «Timbrano il cartellino poi vanno a vendere auto»

Più informazioni su

Peculato, truffa e falso. Con queste accuse sono stati denunciati due funzionari dell’Acea. Secondo la polizia municipale, che ha condotto l’inchiesta, vendevano automobili durante l’orario di lavoro. Sotto osservazione anche alcuni rimborsi spese sospetti. Dopo avere timbrato il cartellino, invece di restare in ufficio, se ne andavano nell’autosalone di proprietà di uno dei due. Ad Acea smentiscono che si tratti di due dirigenti, parlano genericamente di «due quadri impiegati nel settore della sicurezza». Ha commentato il sindaco Gianni Alemanno: «Complimenti ai gruppi speciali della Polizia di Roma Capitale per l’indagine che ha permesso di scoprire l’infedeltà di due funzionari (non alti dirigenti) dell’Acea. Abbiamo chiesto al vicecomandante Antonio Di Maggio un’informativa su quest’inchiesta in modo da consentire ai vertici Acea di sospendere immediatamente questi due funzionari e di avviare un procedimento disciplinare finalizzato, se i fatti saranno confermati, al licenziamento. Inutile aggiungere che le due persone sono da me completamente sconosciute e che quest’amministrazione nulla sa del modo con cui sono state assunte». L’amministratore delegato di Acea, Marco Staderini, ha spiegato: «Assicuro la più ampia collaborazione, mia e della società, nella verifica di eventuali comportamenti infedeli da parte di dipendenti».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.